A. Lucio Fedro Arpeione
  1 risultati

A. Lucio Fedro Arpeione, (540-639 d.C.), si chiamava, in realtà, Enrico da Feltria ed era allievo di Giovanni Filopono, filosofo della scuola Alessandrina, che aveva per primo commentato Aristotele facendolo conoscere agli arabi, che poi lo reintrodussero in Europa. Egli visse per un lungo periodo a Carcassonne, dove venne in contatto con una enclave di cabalisti ebrei, che ebbero una certa influenza sul suo pensiero. Filosofo sino ad oggi sconosciuto, ha teorizzato un universo visibile dominato da luogo, materia ed immobilità e, nel contempo, da tempo, energia e movimento, contrapponendovi un universo invisibile dominato solo da quest’ultimo triade,nella quale i due universi troverebbero la loro coesistenza e nella quale sola l’uomo, attraverso lo spirito, deve operare per raggiungere il trascendente.