Dezs Kosztolányi
  1 risultati

Dezs? Kosztolányi nasce a Szabadka nel 1885 e muore a Budapest nel 1936. Romanziere, novellista, poeta, giornalista, traduttore e saggista, Kosztolányi è ritenuto da autori come Milan Kundera e Péter Esterházy un maestro assoluto della prosa moderna. Già Thomas Mann, nella lettera-prefazione al suo primo romanzo, scrisse che l’opera di Kosztolányi non era un semplice prodotto della letteratura ungherese, ma apparteneva alla cultura universale. La sua carriera ha inizio come poeta nel 1907, ma è nel 1910 che Kosztolányi s’impone, con Endre Ady e Mihály Babits, come uno dei poeti più letti e popolari del suo paese. Nel 1908, anno in cui pubblica la sua prima raccolta di novelle Boszorkányos esték (Sere stregate), nasce la rivista modernista Nyugat (Occidente), di cui diventerà ben presto uno dei principali collaboratori. Negli anni Venti raggiunge il massimo della notorietà con la pubblicazione tra il 1922 e il 1926 di quattro romanzi: A véres költ? (Nerone, il poeta sanguinario, prefazione di T. Mann, traduzione di A. Widmar, Genio, Milano 1933), Pacsirta (Allodola, traduzione e cura di M. Masini, Sellerio, Palermo 2000), Aranysárkány (L’aquilone d’oro), Édes Anna (Anna Édes, traduzione di I. Stux e F. Radelli, Baldini & Castoldi, Milano 1937; ora Anna Édes, traduzione di A. Rényi, Anfora, Milano 2012). Tra il 1928 e il 1936, cerca altre forme. Da una parte riprenderà elementi del romanzo picaresco dando vita al ciclo di Kornél Esti, pubblicato nel 1933 (Esti Kornél, Genius, Budapest 1933); dall’altra concentrerà al massimo la materia narrativa: da qui le sue ultime raccolte di novelle brevi, note, riflessioni diaristiche, molte delle quali pubblicate solo dopo la sua morte. Le altre opere di Kosztolányi in italiano sono Le mirabolanti avventure di Kornél, traduzione e cura di Bruno Ventavoli, e/o, Roma 1990; Il medico incapace, traduzione e cura di Roberto Ruspanti, Rubettino, Soveria Mannelli 2009.