Ezio Albrile

Ermete e la stirpe dei draghi

Informazioni
Collana: Airesis
2010, 77 pp.
ISBN: 9788857500027
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 11,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

«Quando l’oscurità fu creata, avvolta a spirale come un serpente, occupò le regioni inferiori. Ne uscì un vapore umido, gemente, da cui vibrò un grido inarticolato»: è l’esordio del mito di creazione ermetico, un verbo misterico, che nei secoli ha mietuto vittime eccellenti. Tra queste è da annoverarsi la nefanda figura del principe Vlad, il Dragone impalatore, il Dracula storico, l’archetipo del Vampiro. Sulla sua presenza si sono stratificati nel tempo i materiali più disparati e deiettivi. Non ultimi i legami con l’alchimia, lo gnosticismo e l’omosessualità. L’omosessualità del Drago iranico è il tramite per capire la latente pederastia del Dracula romanzesco, per via di quei due fluidi demiurgici (sperma e sangue) coinvolti nelle vicende di entrambi gli «eroi». Sono le «sostanze sconosciute» abilmente mescolate nella Kore Kosmou ermetica per creare le anime. Entità luminose avvolte nella spirale della tenebra, verso il limo del cosmo. La quantità di escrementi che produce in tutta la vita un filosofo, uno scrittore o un poeta, è di gran lunga superiore ai suoi scritti: egli in ogni caso, da buon mortale, si può dire abbia lasciato una «traccia» di sé, del suo genio, del suo estro È un discorso scatologico per introdurre una disciplina, quella ermetica, sovente raffazzonata da zelanti, nonché apocrifi, discepoli; affinché le anime, maculate, trovino nel corpo umano una prigione degna dei loro misfatti. Completa il volume un importante saggio di Riccardo Valla sulle origini e gli sviluppi del mito del Vampiro.

Ezio Albrile (Torino 1962) è noto nel mondo della saggistica storico-religiosa per i suoi studi sul dualismo antico e le interferenze con la cultura iranica e aramaica. Suoi lavori sono apparsi sulle più prestigiose riviste specializzate e miscellanee erudite. Per i tipi della Mimesis ha tradotto e curato il Commentario di Olimpiodoro a Zosimo alchimista (Milano 2008).