Silvia Geraci

L'ultimo degli ebrei

Jacques Derrida e l'eredità di Abramo

Informazioni
Collana: Novecento
2010, 302 pp.
ISBN: 9788857501956
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

“L’ultimo degli Ebrei”: così Jacques Derrida, da un certo momento in poi, ha scelto di presentarsi, lasciando emergere, in maniera volutamente paradossale, la propria provenienza di ebreo algerino di lingua francese. Disseminate all’interno della sua opera, le tracce di questa eredità ebraica sono allora divenute sempre più evidenti anche ad uno sguardo retrospettivo. Scegliendo come chiave di lettura dell’intera opera derridiana il suo «rapporto senza continuità ma senza rottura» con l’ebraismo e, più in generale, quello con le tradizioni monoteistiche, il presente studio tenta di ricostruire il lascito di un’eredità capillare e imponente, e tuttavia irriducibile ad una mera filiazione. Per comprendere il carattere paradossale di tale rapporto, al tempo stesso assunto e negato, appare decisiva la figura del marrano, l’ebreo che, in segreto, custodisce una tradizione a tal punto contaminata da divenire irrecuperabile. Alla luce del confronto serrato e costante con il pensiero di Lévinas, ma anche del rapporto con il pensiero di Heidegger, tale eredità si mostra irriducibile sia ad un orizzonte religioso, sia ad una illuministica secolarizzazione. Derrida intende piuttosto riaffermare, al di là di ciò che ‘religione’ e appartenenza religiosa significano, il primato di una fede che, al fondo anche di ogni sapere, ci affida all’altro. Ancor prima dell’Ebreo, del Cristiano e dell’Islamico, in Abramo, l’altro, il non identico a sé, Derrida riconosce la promessa di un universalismo nel quale chiunque può riconoscersi, di un’ospitalità senza riserve e senza preclusioni.

 

Silvia Geraci (Carini, 1982), dottore di ricerca in filosofia, collabora con la cattedra di Filosofia teoretica della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina. Ha studiato a Messina, Tubinga e Strasburgo, occupandosi del pensiero di Jacques Derrida, su cui ha pubblicato alcuni articoli.