Francesco Pullia

Nell'ora che svanisce tra le crepe

(Cantico per un dio in ascolto)

Informazioni
Introduzione di: Morris L. Ghezzi

Collana: I cabiri
2010, 82 pp.
ISBN: 9788857502250
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 8,00  € 7,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Un poema, suddiviso in due parti, concepito come invocazione e, insieme, come insistente interpellare. Estasi e doloroso ripiegamento convergono in una parola tendente a trasfigurarsi in salmo e intensa musicalità. L’ora che svanisce tra le crepe non è altro che la vita che, scorrendo nella sua fuggevolezza, trascolorando, lascia traccia di sé nell’intimità dei ricordi, nell’assenza che ritorna, nella compresenza tra tutti gli esseri, animati e non, espressa in forma di compassionevole afflato, in un dialogo che si fa serrato e toccante.

 

Francesco Pullia, nato a Terni il 4 novembre 1956, ha pubblicato, oltre a questo, otto libri di liriche (tra cui Le farfalle del Golgota, Ripostes, 1983, Visitazione della pietra, Ripostes, 1994, Indice di meraviglia, Ripostes, 1998, Partitura di fede e conoscenza, Ripostes, 2000, Il seme dell’accettazione, Ripostes, 2003, Ciò che ritorna quando s’affaccia l’alba, Rhegium Julii, 2005), quattro di narrativa (Sulla soglia, la voce, Cappelli, 1987, Prova di luce, Ripostes, 1995, Il miele dell’officiante, Ripostes, 1997, Nei reami del falco, Il Torchio-La bottega delle meraviglie, 1998), quattro di saggistica d’argomento filosofico (Il dolce gomito, Cappelli, 1984, L’evidenza sensibile, Ellemme-Lucarini, 1991, Dalla schiuma del mondo, Mimesis, 2004, Dimenticare Cartesio, Mimesis, 2010).