Filippo Silvestri

Segni Significati Intuizioni

Sul problema del linguaggio nella fenomenologia di Husserl

Informazioni
Collana: Filosofie
2010, 336 pp.
ISBN: 9788857502533
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 24,00  € 22,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Dal suo esordio editoriale con Filosofia dell’Aritmetica (1891) fino alla pubblicazione del primo volume delle Idee (1913) Husserl affronta il problema del linguaggio, attraversandolo lungo le sue ricerche psicologiche e fenomenologiche in quanto punto di passaggio inevitabile in una rigorosa considerazione dei modi intenzionali di vivere della coscienza. I segni, gli indici, le espressioni in questa prospettiva si rilevano come altrettanti ostacoli rispetto ad un rapporto proprio perché diretto con le cose ed ancora come supporti indispensabili in una progressione del pensiero, significativa ed intuitiva, scientifica o comune che sia. Segni, significati ed intuizioni si incrociano nella fenomenologia husserliana, secondo modi caratterizzati da continui rimandi di senso, dove ogni momento della sintesi risulta indispensabile rispetto agli altri, tra vuoti e pieni, nuovi vuoti, nuovi pieni in un orizzonte sempre aperto perché semiotico, significativo ed intuitivo.

 

Filippo Silvestri è ricercatore presso l’Università degli Studi di Bari, dove insegna Semiotica e Filosofia del Linguaggio nel Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione. Autore di diversi saggi dedicati alla fenomenologia husserliana, ha collaborato alla stesura di Il seme umanissimo della filosofia. Sul pensiero di Giuseppe Semerari (Mimesis, Milano 2007), e di Corpo Linguaggio Intersoggettività. Studi husserliani (Albalibri, Milano 2007).