Marco Deodati

La dynamis dell'intenzionalità

La struttura della vita di coscienza in Husserl

Informazioni
Collana: Itinerari filosofici
2011, 248 pp.
ISBN: 9788857502557
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

PREMIO "Opera Prima di Filosofia 2013" indetto dalla Consulta Filosofica Nazionale.

La determinazione husserliana dell’intenzionalità come coscienza-di può dirsi pienamente soddisfacente? Non vi sono forse altri aspetti essenziali che tale definizione lascia in ombra? A partire dall’analisi di un folto gruppo di manoscritti inediti di Husserl, questo studio vuole problematizzare la portata della più classica determinazione dell’intenzionalità, mostrando come essa sia inscindibilmente legata a motivi di natura pulsionale, emotiva, affettiva. L’indagine sulla tendenza, la Triebintentionalität, l’affezione, cui Husserl stesso si dedica in misura crescente nella fase della cosiddetta fenomenologia genetica, getta una nuova luce sull’intenzionalità nel suo complesso, che a questo punto non sembra riducibile a mero processo di rappresentazione oggettivante. Qualsiasi atto di rappresentazione è invece mosso da una dynamis originaria, in virtù della quale l’intenzionalità si configura come un rapporto vivente con il mondo.

Marco Deodati (Roma, 1979) si è laureato in Filosofia all’Università di Roma Tor Vergata, dove ha anche conseguito il Dottorato di Ricerca. Ha svolto numerosi soggiorni di ricerca presso l’Archivio Husserl di Colonia. Dal 2008 collabora attivamente con le cattedre di Storia della Filosofia Contemporanea e Bioetica della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata. Per l’anno accademico 2010-2011 ottiene una borsa di ricerca della Fritz-Thyssen-Stiftung.