Davide De Pretto

L'oriente assoluto

India, Cina e “mondo buddhista” nell’interpretazione di Hegel

Informazioni
Prefazione di: Giangiorgio Pasqualotto

Collana: Pensieri d’Oriente
2011, 272 pp.
ISBN: 9788857502830
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Negli anni berlinesi Hegel si immerse in un studio approfondito delle civiltà del lontano Oriente, a cui dedicò ampio spazio nei corsi di lezione e, in particolare per l’India, una lunga recensione alle conferenze di Humboldt sulla Bhagavadgita. Rispetto all’immagine spesso ancor oggi diffusa del filosofo come novello Minosse, che nei confronti dei popoli giudica e manda secondo ch’avvinghia, l’interpretazione dell’Oriente si presenta assai stratificata, giocata su nerbi concettuali ed un accurato lavoro storico, figurando come una chiarissima testimonianza dell’inesausto tentativo di Hegel di comprendere concettualmente un materiale documentario complesso e spesso contraddittorio. Poggiando anche sulle nuove edizioni dei corsi di lezione, questo volume studia i “viaggi” di Hegel in Oriente, facendone emergere le relazioni sotterranee coi concetti chiave delle dimensioni spirituali di volta in volta toccate e la differenza d’impostazione con le interpretazione di autori coevi e precedenti.

 

Davide De Pretto (1977) ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia e Storia delle idee presso l’Università di Padova e collabora con le cattedre di Storia della filosofia e di Estetica della medesima Università.