Carlo Ruta

Guerre solo ingiuste

La legittimazione dei conflitti e l’America dal Vietnam all’Afghanistan

Informazioni
Collana: Eterotopie
2011, 70 pp.
ISBN: 9788857504285
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 10,00  € 9,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La giustificazione della guerra ha retto, sin dall’antichità classica, su capisaldi e logiche convergenti. Più o meno tutte le elaborazioni hanno ambito all’universalità, come è proprio delle teorie politiche, da Platone in avanti. Pressoché tutte hanno finito con l’interloquire altresì con i poteri pubblici, civili e militari, delle rispettive epoche. Di recente, la discussione converge, inevitabilmente, su Michael Walzer perché con tale pensatore la teoria della guerra giusta giunge a uno snodo decisivo, nel senso addirittura di un “superamento” della elaborazione scolastica e giusnaturalistica, fondandosi su due concetti inediti, essenziali nella geopolitica odierna: quello di guerra preventiva e quello di supreme emergency. La storia dà conto che ogni epoca ha fondato propri miti, funzionali e necessari. Tenendo conto di tale profilo, si tratta di definire allora quanto la teoria di Walzer, che costituisce appunto la più compiuta esposizione della dottrina in età contemporanea, sia stata in grado di intercettare, dopo il Vietnam, le istanze dell’America ufficiale.

 

Carlo Ruta da vari decenni opera negli ambiti della ricerca storiografica e dell’informazione italiana. È autore di reportage e inchieste giornalistiche. Ha scritto negli ultimi anni e scrive attualmente su diverse testate: “Il Manifesto”, “Narcomafie”, “L’isola possibile”, mensile del settimanale “Left Avvenimenti”, “Libera Informazione”, il portale telematico per la pace “Peacelink”. Cura inoltre una rubrica di inchieste per il settimanale on-line “Domani”, del gruppo Arcoiris TV. Diversi suoi reportage sono stati pubblicati su “Articolo 21”, “Antimafia 2000” e altri giornali. È socio onorario di Libera di don Luigi Ciotti e di altre realtà associative.