Alessandro Casiccia

I paradossi della società competitiva

Informazioni
Introduzione di: Luciano Gallino

Collana: Eterotopie
2011, 122 pp.
ISBN: 9788857504384
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La “competitività” ricorre oggi nel linguaggio comune. E sembra porsi quale esigenza assoluta sia per poter agire sul mercato mondiale, sia per stemperare le rigidità organizzative pur esistenti in ogni amministrazione e in ogni impresa. Ma è ormai evidente che, una volta introdotto il competere fra lavoratori, immediatamente si apre la via che conduce verso la precarietà, l’asservimento, la pericolosità per la vita stessa; mentre declinano la forza rivendicativa e lo spazio per i diritti. L’imperativo della competizione sembra investire ogni aspetto dell’esistenza umana. E nella forma estrema, l’ipercompetizione, può condurre a esiti opposti, a comportamenti di aggressione o viceversa di rinuncia. Questo libro affronta il “dogma” in questione, non nascondendo certi suoi fondamenti ma insieme svelandone sia le possibili derive verso l’irrazionalità e la barbarie, sia l’intrinseca autocontraddittorietà. Infatti, oltre a emergere una forte disparità di potere fra i grandi attori dell’economia finanziaria globale, si rileva un progressivo ridursi del loro numero, quindi una possibile tendenza verso il capovolgersi della competizione nel suo stesso opposto. cioè verso il dominio di pochi giocatori, in grado di stabilire accordi fra loro e dominare la scena mondiale. Nel libro si cerca la via politica per impedire che questo processo distruttivo logori gli spazi di controllo democratico e consumi la vita delle persone trascinando nella rovina le società dell’intero pianeta.

 

Alessandro Casiccia, sociologo, docente universitario, è autore di varie opere, tra cui: Le classi e la mutazione del sociale (Torino 1998); L’azione in un’era di incertezza (Torino 2000); Il trionfo dell’élite manageriale (Torino 2004); Democrazia e vertigine finanziaria (Torino 2006); Lusso e potere (Milano 2008).