Leonardo Casini

Corporeità

La corporeità nelle Ergänzungen al Die Welt di Schopenhauer e altri scritti

Informazioni
A cura di: Viviana Meschesi

Collana: Filosofie
2011,
ISBN: 9788857505046
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il tema della corporeità è sempre stato un argomento molto caro alla riflessione di Leonardo Casini, il quale le ha dedicato una ricchissima produzione e moltissimi spunti ermeneutici. Questa pubblicazione nasce allora con l’intento di offrire al lettore una visione d’insieme, soprattutto alla luce della scoperta di uno scritto inedito, “La corporeità nelle Ergänzungen al Die Welt”, il quale accostandosi a tutti gli articoli e saggi brevi sull’argomento, garantisce un ulteriore ed importante approfondimento. Porre a confronto questi scritti, prodotti in un arco temporale complessivo di quasi un ventennio e per la prima volta riuniti in un’unica pubblicazione, ci permette di assistere alla trasformazione del concetto di corporeità in una vera e propria lente interpretativa e filtro ermeneutico dei molteplici stimoli e problemi che Leonardo Casini ha affrontato nel suo percorso intellettuale e filosofico, nonchè delle diverse suggestioni e posizioni via via assunte dal Nostro che spaziano dallo studio di autori quali Schopenhauer, Feuerbach e Nietzsche, al confronto col nichilismo sino alla dimensione religiosa. Se è vero che Casini già in due opere monografiche ha garantito una visione d’insieme estremamente convincente dell’argomento, è altrettanto interessante osservare la metamorfosi di questo tema in queste trattazioni quanto mai “aperte” che permettono di scorgere proprio in “quel filo conduttore del corpo” una delle sfide che Casini ha lanciato alla ramificazione di senso contemporanea.

 

Leonardo Casini nasce a Castelfiorentino nel 1945. Laureatosi presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma e dopo aver insegnato in diverse università italiane diviene professore ordinario di Filosofia Morale presso l’Università di Roma Tre. Muore a Roma nel 2006. Nel corso del suo percorso filosofico si è occupato di molteplici tematiche, dal pensiero tedesco moderno e contemporaneo, riflettendo in particolare sulla dimensione religiosa nella sinistra hegeliana (Storia e umanesimo in Feuerbach, 1974, e Feuerbach postumo. Il panteismo delle lezioni di Erlangen, 1979), alla crisi del marxismo nelle sue estreme rielaborazioni utopiche nella scuola di Francoforte (Marcuse, maestro del ‘68, 1981, ed Eros ed utopia. Arte, sensualità e liberazione in Herbert Marcuse, 1999). Ha inoltre dedicato notevole attenzione alla rivalutazione filosofica e morale della corporeità, che ha trovato sintesi in La riscoperta del corpo. Schopenhauer, Feuerbach e Nietzsche (1990), che ha incrociato l’approfondimento sulla problematica filosofica e religiosa in Schopenhauer, Kierkegaard, Nietzsche e sulla teologia contemporanea, oggetto di numerosi saggi.

 

Viviana Meschesi nasce a Roma nel 1977. Allieva di Leonardo Casini, si è laureata in Filosofia presso l’Università di Romatre e nella stessa Università ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Filosofia e Teoria delle Scienze Umane. Si occupa di filosofia contemporanea, in particolare ha approfondito il pensiero di E. Levinas ed ha affrontato tematiche inerenti la crisi del logos e la filosofia della differenza. E’ socia fondatrice dell’associazione Metabasis che si occupa di approfondire i legami tra arte contemporanea e filosofia. Oltre a diversi articoli e saggi, ha pubblicato Sistema e trasgressione. Logica e analogia in Rosenzweig,
Benjamin e Levinas, Mimesis, 2010.