Pierre Macherey

Jules Verne o il racconto in difetto

Informazioni
A cura di: Fabrizio Denunzio

Collana: Filosofie
2011, 112 pp.
ISBN: 9788857507026
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La narrativa di Jules Verne ha da sempre affascinato e conquistato il cuore di intere generazioni di lettori. Romanzi come Viaggio al centro della Terra, Il giro del mondo in ottanta giorni, Ventimila leghe sotto i mari, Michele Strogoff fanno parte dell’immaginario culturale mondiale. Nonostante ciò, sull’universo verniano grava da sempre un antico pregiudizio: è letteratura per l’infanzia. Il saggio di Pierre Macherey, pubblicato per la prima volta in italiano, fa giustizia di questo torto. Attraverso inediti strumenti di analisi marxista, l’autore ci guida nel mondo narrativo di Verne e ce ne mostra tutta la complessità. Scopriremo che in realtà, in questi romanzi per ragazzi, viene messo in forma il senso stesso della modernità, come è venuta a definirsi a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Al centro della lettura di Macherey, allora, troveremo il complesso rapporto tra natura, uomo e industria.

Pierre Macherey è professore emerito all’Università di Lille III. Tra le sue opere più signifi cative, dopo il contributo a Leggere il Capitale di Louis Althusser (Mimesis, 2006), si ricordano almeno: Hegel ou Spinoza (La Découverte, 2004), Avec Spinoza (PUF, 1992), il commentario ai cinque libri dell’Etica di Spinoza (PUF, 1994-1998), e Marx 1845. Les «thèses» sur Feuerbach. Traduction et commentaire (Éditions Amsterdam, 2008).

Fabrizio Denunzio è ricercatore in Sociologia dei processi culturali presso l’Università di Salerno, dove insegna Teoria e tecniche del linguaggio radiotelevisivo e Sociologia dei processi comunicativi. Ha pubblicato di recente Quando il cinema si fa politica. Saggi su ‘L’opera d’arte’ di Walter Benjamin (ombre corte, 2010) e Deleuze cinéphile. Storia e teoria di un amore (Liguori, 2010).