Alessandro Amato

L'etica oltre lo Stato

Filosofia e politica in Giovanni Gentile

Informazioni
Collana: Filosofie
2011, 366 pp.
ISBN: 9788857507712
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 28,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Gentile pensa nella crisi novecentesca della forma-Stato, i cui presupposti teorici risalgono al progetto di neutralizzazione che connota la concettualità politica moderna. Lungi dal reagire alla modernità, le categorie gentiliane mirano anzitutto a comprendere le difficoltà del giusnaturalismo di dedurre il piano politico dal “fatto” della libertà dell’individuo. Allo stesso tempo, e sulla scorta dello statuto pratico del pensiero proprio dell’attualismo, Gentile arrischia un superamento delle contraddizioni dello Stato liberale attraverso gli “esperimenti” della scuola e del fascismo, del corporativismo e, in fine, dell’“umanesimo del lavoro”. Il presente volume mostra che Gentile scorge dentro l’unità giuridica dello Stato un’eccedenza etica, irriducibile a foro privato e nominata Stato in interiore homine, orientata di volta in volta dal filosofo a ricondurre la modernità alla sua idea di “autocritica” e “autonomia”, oltre l’opposizione tra individualismo e statalismo. L’attualità del gesto filosofico-politico di Gentile risiede non nel “pensiero pensato”, muto rispetto alla problematicità dell’oggi, bensì nel tentativo di pensare ciò che la logica della forma politica moderna esclude: la visibilità politica della critica dello Stato.

Alessandro Amato (1981) ha conseguito il Dottorato di ricerca in Filosofia Politica e Storia del Pensiero Politico all’Università di Padova. Attualmente svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Studi Storici e Politici dell’Ateneo patavino.

Volume pubblicato con il contributo del MIUR e dell’Università degli Studi di Padova nell’ambito dei fondi PRIN 2007 - Dipartimento di Studi Storici e Politici.