Günther Anders

Lo sguardo dalla torre

Favole con le illustrazioni di A. Paul Weber

Informazioni
A cura di: Devis Colombo
Prefazione di: Goffredo Fofi

Collana: Mimesis
2012, 196 pp.
ISBN: 9788857508139
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Lo sguardo dalla torre raccoglie le favole che Günther Anders scrisse tra il 1931 e il ‘68. In un tempo in cui l’umanità fatica a mantenere il passo con lo sviluppo della tecnica, occorre rivedere radicalmente il nostro modo di pensare, abbandonando le tradizionali categorie del discorso. Così questa scelta narrativa del filosofo tedesco non è dovuta a una semplice ragione di stile, ma a un’esigenza concreta di resistenza all’impoverimento del linguaggio che l’incontrastata proliferazione degli apparati tecnici porta con sé. Per far fronte al senso d’inferiorità originato dalla sempre più autonoma funzionalità dei prodotti da lui stesso creati - ciò che Anders definisce “vergogna prometeica” - l’uomo tende ad assorbire le modalità univoche e immediate dei segnali delle macchine, perdendo quella capacità dialogica e riflessiva di comunicare che costituisce il fondamento dell’essere umano, e dalla quale dipende la possibilità di immaginare e di provare sentimenti. Le favole diventano allora uno strumento, tanto critico quanto salvifico, di riflessione, a partire da uno sguardo rinvigorito, fantasioso quanto provocatorio che soltanto la forma favolistica è in grado di offrire.

Günther Anders (Breslavia 1902 - Vienna 1992), allievo di Husserl e di Heidegger, compagno di pensiero e di vita di Hannah Arendt, è uno dei maggiori pensatori eretici del Novecento. Divenne noto sia per la sua riflessione sul “dislivello prometeico” tra l’uomo e la tecnica (L’uomo è antiquato, vol. I e II, 2003), sia per l’attività di critico letterario (Uomo senza mondo. Scritti sull’arte e sulla letteratura, 1991; Kafka. Pro e contro, 2006) e di scrittore (La catacomba molussica, 2008). In Italia è stato insignito nel 1961 del Premio letterario “Della Resistenza - Città di Omegna” per l’opera Essere o non essere. Diario di Hiroshima e Nagasaki.

Andreas Paul Weber, illustratore e pittore tedesco (1893 - 1980), per la sua opposizione al regime nazista venne arrestato e internato in un campo di concentramento. Autore di litografie di critica sociale e politica, dopo la guerra collaborò al noto giornale satirico Simplicissimus dal 1954 al 1967. Le sue opere sono state esposte nelle più importanti mostre d’arte internazionali.

Devis Colombo (1986) si è laureato in Estetica all’Università degli Studi di Milano con Markus Ophälders e Maurizio Guerri. Si occupa di filosofia della tecnica, di critica dei media e dei rapporti fra anarchismo e post-strutturalismo.