Francesco Ceraolo

L'immagine cinematografica come forma della mediazione

Conversazione con Vittorio Storaro

Informazioni
Collana: Cinema
2012, 96 pp.
ISBN: 9788857508856
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Vincitore di tre premi Oscar per la fotografia (con Apocalypse Now, Reds e L’ultimo imperatore) Vittorio Storaro è un protagonista del grande cinema d’autore di oggi. Questo libro comprende una straordinaria analisi del suo lavoro, tecnico e poetico insieme, e una conversazione diretta, unica proprio con Vittorio Storaro. Cinefotografo è il modo in cui ama definirsi. Un nome da abbinare a quello dal sapore antico di cinematografo. Letteralmente, cioè, il luogo dove si scrive, s’inventa e si crea con l’immagine del cinema. Così Vittorio Storaro si racconta. Racconta il suo lavoro, svelandone un profondo rapporto con la filosofia. Si concede ai ricordi dei set famosi che ha calcato, accanto a Bernardo Bertolucci o a Marlon Brando. Il risultato è un prezioso libro di analisi del cinema e un documento d’intervista unico, per chi ha sempre pensato che il cinema sia molto di più di quel che vediamo.

Francesco Ceraolo (1980) ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca con una tesi sull’estetica del Gesamtkunstwerk presso il Queen Mary College dell’Università di Londra. Ha svolto attività di docenza presso la stessa università. Ha pubblicato saggi su riviste e volumi collettanei. È autore del volume Registi all’opera. Note sull’estetica della regia operistica (Roma, 2011).