Pavel Aleksandrovic Florenskij

La colonna e il fondamento della verità

SAGGIO DI TEODICEA ORTODOSSA IN DODICI LETTERE

Informazioni
Introduzione di: Roberto Revello

Collana: Volti
2012, 616 pp.
ISBN: 9788857509549
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 35,00  € 33,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La colonna e il fondamento della verità è tra i più suggestivi capolavori della spiritualità ortodossa e un raro esempio di felice e creativo confronto tra ragione e fede. “Saggio di teodicea ortodossa in dodici lettere”, Florenskij delinea in quest’opera un percorso di ricerca della verità che intreccia le più rigorose argomentazioni teoretiche con pagine di grande spiritualità e speculazione teologica. Svelato l’abisso e l’inferno scettico della ragione trascendentale moderna, provata l’impossibilità logica di poter catturare e contenere una verità che sia espressione della pienezza della vita nella sua antinomicità, Florenskij dimostra come non siano l’intuizione e la discorsività a dare la conoscenza della verità, ma che “essa nasce nell’anima per una rivelazione libera della stessa verità triipostatica, per una visita in grazia fatta all’anima dallo Spirito Santo”. Pubblicata a Mosca nel 1914, frutto della conversione e degli studi teologici di Pavel Florenskij, La colonna è stata fino a pochi anni fa l’unica sua grande opera conosciuta, e se ha ispirato un’importantissima figura della teologia ortodossa come Sergej N. Bulgakov, non ha mancato di suscitare timori e incomprensioni, soprattutto per le intense pagine dedicate alla sofiologia.

Pavel Aleksandrovic Florenskij, nato ad Evlach in Azerbaigian il 9 gennaio 1882 e fucilato dal regime stalinista l’8 dicembre del 1937 a Leningrado, è stato definito il Leonardo e il Pascal russo. Sacerdote ortodosso, matematico, ingegnere, chimico, filosofo, teologo, teorico dell’arte, del linguaggio, del simbolico e dell’immaginale, nella sua vita si incontrano senza contraddizioni l’uomo di scienza e l’uomo di fede. Il lascito degli scritti di Florenskij è molto vasto e non ancora interamente pubblicato. Tra le più recenti traduzioni apparse in Italia: Il simbolo e la forma (Torino 2007),La mistica e l’anima russa (Cinisello Balsamo 2006), Il concetto di Chiesa nella Sacra Scrittura (Cinisello Balsamo 2008).