Giancarlo Lacchin

Ludwig Klages

Coscienza e immagine Studio di storia dell’estetica

Informazioni
Prefazione di: Stefano Zecchi

Collana: Filosofie
2012, 170 pp.
ISBN: 9788857509716
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La figura di Ludwig Klages (1872-1956), spesso rimasta al margine del dibattito filosofico contemporaneo a causa di sbrigative interpretazioni storiche, continua invero a rivelare molteplici e proficue prospettive di ricerca, che ne mettono in luce l’assoluta centralità per la storia della nostra cultura occidentale, dalla filosofia alla caratterologia, dalla psicologia alla scienza del carattere. Se tutto in Klages si presenta sotto il segno della lotta contro la decadenza, la salvezza che egli propone è una “salvezza della memoria”, che non rinuncia però alle forme della concettualità e della logica, ma le integra con le dimensioni di un’irrazionalità che trova innanzitutto nella sfera estetica le modalità della propria legittimazione. A partire dalla declinazione estetica che si può riconoscere nella sua metafisica, coscienza e immagine appaiono come i due poli dialettici fondamentali che definiscono filosoficamente l’antagonismo originario fra anima e spirito, che lo traducono, cioè, in un linguaggio che sembra dischiudere al pensiero nuovi orizzonti di ricerca, senza però rinunciare al rigore del logos. In Klages “la tensione metafisica dell’arte non può prescindere da quei concetti, deve metterli in gioco e non rimuoverli temendo la perdita di rigore scientifico nell’analisi sia dell’origine dell’estetica e dei suoi sviluppi, sia delle forme dell’arte e della creatività” (Stefano Zecchi).

Giancarlo Lacchin (Latisana 1971) svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Milano, dove tiene altresì l’insegnamento di Estetica I come professore a contratto. Si occupa di poetica ed estetica tedesca in epoca classico-romantica e nella Jahrhundertwende, e in particolare di autori quali Goethe, Schlegel, George, Klages, Rilke, Hofmannsthal, Kantorowicz, Stauffenberg, Simmel. È curatore dei volumi L. Klages, Goethe come esploratore dell’anima (Milano 2003), L. Klages, Nietzsche. Le sue conquiste psicologiche (Milano 2006), Goethe. Evoluzione e forma (Seregno 2007), H. von Hofmannsthal, La lettera di Lord Chandos (Milano 2007), H.A. Korff, Umanesimo e romanticismo nell’età di Goethe (Trento 2007), F. Schlegel, Sullo studio della poesia greca (Milano 2008), A. Baeumler, Estetica (Milano 2009) e autore del testo Stefan George e l’antichità. Lineamenti di una filosofia dell’arte (Lugano 2006). Di prossima pubblicazione, sempre a cura sua, H. Friedemann, Platone. La sua forma e H. Rickert, Elena nel Faust di Goethe. Dirige la collana “Panoptikon” presso l’editrice Herrenhaus di Seregno, è caporedattore della redazione milanese della rivista “Estetica. Studi e ricerche”, collaboratore delle riviste “Anterem. Rivista di ricerca letteraria” e “Palomar”.