Felix Duque

Il mondo, dall'interno

Ontotecnologia della vita quotidiana

Informazioni
Collana: Volti
2012, 152 pp.
ISBN: 9788857511689
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Abbandonata la pretesa di ‘dedurre’ il mondo da un qualche principio, Dio o la Ragione, al filosofo contemporaneo che non intende abbandonare il compito di “portare il proprio tempo al pensiero”, non resta altro da fare che descrivere il mondo dall’interno. Nasce così la mappa di un multiverso in cui l’unità delle due vie – della verità e dell’erranza – si mostra in tutto l’arco della storia d’Occidente. Mito e matematica, poesia e cibernetica convivono nel nostro tempo, in un intreccio di antico e moderno, in cui non c’è più spazio né per la nostalgia del passato, né per l’esaltazione del presente. La conclusione di questa fenomenologia della ‘contemporaneità’ che si slarga a comprendere tutto l’orizzonte della nostra storia – da Esiodo a Trakl, a Celan, da Parmenide a Türing, dalla Città di Caino all’American New World – è ‘etica’: l’indicazione di un diverso modo di abitare la Terra, per il quale al tout comprendre non deve seguire, a mo’ di un imperativo, il tout pardonner. Le cose, in questa visione cristianamente atea del mondo, sono già tutte da sempre perdonate: si perdonano da sé, im Verschwinden, svanendo. Perché nell’attimo stesso in cui fluiscono in pure trasparenze, lasciano il segno più forte della loro ‘corpulenza’, l’eco della voce della Terra. “Oste! Un’altra bottiglia / di Xeres!”

Félix Duque, filosofo, insegna Storia della filosofia all’Università Autonoma di Madrid. Studioso di Kant e dell’idealismo tedesco, di Nietzsche, Heidegger e dell’ermeneutica contemporanea, in costante rapporto con la cultura greca e latina dell’età classica, ha dedicato molti lavori ai problemi dell’arte contemporanea. Nel 1975 gli è stato assegnato il Premio Nacional de Investigatión “Luis Vives”; nel 2004 ha ricevuto il Premio Internazionale “Jovellanos” per il libro Los buenos europeos (Oviedo 2003). Sue opere tradotte in italiano: Il fiore nero. Satanismo e paganesimo alla fine della modernità (Milano 1995), Geni Dee e Guardiani. Arte e politica nella crisi della modernità(Napoli 1996), Terrore oltre il postmoderno. Per una filosofia del terrorismo (Pisa 2006), La fresca rovina della Terra. Dell’arte e i suoi rifiuti(Napoli 2007), Abitare la Terra. Ambiente, Umanismo, Città (Bergamo 2007).