Gianluca Cuozzo

Mystice videre

Esperienza religiosa e pensiero speculativo in Cusano

Informazioni
Collana: Bibliotheca Cusana
2012, 316 pp.
ISBN: 9788857513270
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 15,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Il presente lavoro si concentra su alcune metafore-guida, o “enigmi sensibili”, intorno a cui si raccolgono i motivi più ardui e teoreticamente fecondi della speculazione di Cusano. La metafora dello specchio, quella dell’icona Dei, il gioco della palla e quello della trottola, mirando all’approssimazione del finito all’infinito, inaugurano un’esperienza dello spazio e del tempo che va ben al di là delle ordinarie accezioni dell’umano indagare e conoscere il mondo. Tra queste forme di prassi sperimentale, allo stesso tempo profonde e dilettevoli, spicca quella della visione: si potrebbe dire che Cusano, con la sua intera opera, mira a una ‘conversione’ dello sguardo umano nello sguardo assoluto e ubiquo del Principio, esperienza visiva in cui riflessione filosofica, teologica e artistica si saldano intimamente. In questo quadro teorico la figura P, al centro del De coniecturis, assurge a simbolo geometrico della visione speculare, in cui chi guarda – essendo “tanto immagine quanto verità” – si trasforma nell’oggetto della visione.

Gianluca Cuozzo insegna Filosofia Teoretica all’Università di Torino. Ha dedicato i propri studi a Löwith, Gioberti, Cusano, Bruno, Leonardo da Vinci, Benjamin. Negli ultimi anni ha volto i propri interessi da un lato al nesso tra dottrine artistiche e riflessione filosofica, dall’altro ad alcuni narratori statunitensi (Paul Auster e Philip K. Dick) e al tema dell’utopia. Tra le sue ultime pubblicazioni si ricordano: L’Angelo della melancholia, Milano 2009; Raffigurare l’invisibile, Milano 2011; Mr. Steve Jobs sognatore di computer, Milano 2012; Gioco d’azzardo. La società dello spreco e i suoi miti, Milano 2012.