Giuseppe Maccaroni

Sociologia, stato e democrazia solidale in Max Adler

Informazioni
Collana: Filosofie
2013, 198 pp.
ISBN: 9788857514123
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Conosciuto come il ‘filosofo’ dell’austromarxismo, Max Adler è uno degli interpreti più originali del marxismo inteso come ‘scienza sociale positiva’ o ‘sociologia’. Ben prima di Louis Althusser e di Galvano della Volpe, Max Adler tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo richiamò l’attenzione sulla rilevanza politica delle questioni metodologiche presenti nella teoria marxiana e, allo stesso modo di Gramsci, pose l’accento sulla necessità di una formazione ideologica generalizzata come presupposto ineludibile di ogni progetto di trasformazione sociale. Si deve alla sua riflessione politica l’indicazione di ricercare per l’Occidente europeo una ‘terza via’ al socialismo in alternativa al bolscevismo come al riformismo socialdemocratico. Indicazione con cui egli pensava di accreditare l’opzione propria della Socialdemocrazia austriaca di sperimentare negli anni Venti del secolo scorso un programma di democrazia sociale agganciato alle potenzialità delle istituzioni liberaldemocratiche in una visione dei tempi necessariamente lunghi per il subentrare di una nuova formazione economico-sociale.

Giuseppe Maccaroni insegna Storia delle dottrine politiche nel Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università della Calabria. Tra le sue più recenti pubblicazioni vanno segnalate: Simone Weil. Dalla parte degli oppressi (2003), ed Emmanuel Mounier e Simone Weil. Testimoni del XX secolo (2010).