Karel Kosík

Un filosofo in tempi di farsa e di tragedia

Saggi di pensiero critico 1964-2000

Informazioni
A cura di: G. Fusi F. Tava

Collana: Gli imperdonabili
2013, 290 pp.
ISBN: 9788857516073
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 24,00  € 22,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

A cinquant’anni dalla pubblicazione di La dialettica del concreto (1963), uno dei testi fondamentali per il rinnovamento del marxismo che preparò il ’68, e a dieci anni dalla morte dell’autore, avvenuta nel 2003, vengono presentati in una cornice unitaria i saggi e gli interventi di Karel Kosík dal 1964 al 2000. Si tratta di un indispensabile contributo alla conoscenza di un grande filosofo, legato alla tradizione del pensiero europeo da Hegel a Marx fino a Husserl e a Heidegger, e interlocutore diretto negli anni ’50 e ’60 di Sartre e della cultura francese e tedesca. Si tratta anche della testimonianza dell’impegno etico e politico di Kosík durante la Primavera di Praga, portato avanti instancabilmente nei lunghi anni di isolamento e silenzio a cui fu costretto fin quasi alla morte. Le riflessioni contenute in questi saggi di pensiero critico affrontano, con l’inconfondibile stile radicato nella cultura, nella storia e nella letteratura ceca, il tema del riso, quello del comico e del tragico nel mondo in cui domina la banalità del male, la possibilità di una nuova concezione architettonica e poetica della città, il ruolo di una filosofia che offre la libertà di un nuovo rapporto con la realtà e apre lo spazio per un nuovo legame comunitario. Kosík lascia in eredità al nuovo millennio un programma “antidiluviano”, contro il diluvio della voracità, dell’avidità che minaccia l’umanità.

Karel Kosík (1926 – 2003) filosofo originario della Repubblica Ceca. Nella sua opera principale, La dialettica del concreto, presenta un’originale analisi comparata del pensiero di Martin Heidegegr e del giovane Marx. I suoi scritti più recenti sono una critica tagliente della società contemporanea, a tratti visionari, ma sempre densi della concretezza politica che caratterizza tutto il lavoro di Kosik.

Recensioni

Bruno Manelli - Ilmanifesto, 26 giugno 2020
"Gabriella Fusi, l'empatia del pensiero critico"
Leggi la recensione