Anna M. Borghi

Che cos'è un soggetto

Tra comune e singolare

Informazioni
A cura di: Raffaele Ariano Vittorio Azzoni e Michele Maglio

Collana: Eterotopie
2013, 78 pp.
ISBN: 9788857517827
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,72  € 17,78
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

CONTIENE 2 DVD.

Che cos’è un soggetto?’ è un domanda cui è difficile dare una risposta univoca, e nondimeno una domanda cruciale. L’intero percorso della filosofia moderna e contemporanea da Cartesio a Foucault, passando per Kant, Husserl e Heidegger, si snoda a partire dalla questione della soggettività. La “scoperta” cartesiana del cogito ergo sum è la vera e propria frattura epistemologica a partire dalla quale si dà qualcosa come una filosofia moderna. Ma altrettanto è fondamentale, questo tema, per la riflessione scientifica e, segnatamente, per quella delle scienze umane, che sin dalla loro nascita prendono ad oggetto della loro indagine empirica le forme fisiologiche, psicologiche, sociologiche, antropologiche, economiche e storiche assunte dalla soggettività umana. Il problema del soggetto richiede perciò un approccio intrinsecamente multidispiclinare: la filosofia non basta da sola, così come non sono sufficienti le scienze umane. Per rispondere quest’urgenza di pensiero - divenuta oggi, nell’età della biopolitica, altrettanto un’esigenza politica - l’associazione singolare comune ha scelto di interpellare due filosofi e due neuroscienziati. L’occasione d’incontro è stata il convegno Che cos’è un soggetto. Ontologie della soggettività tra singolare e comune, tenutosi a Cremona il 18 febbraio 2011. Vi hanno partecipato Massimo de Carolis, docente di filosofia teoretica all’Università di Salerno, Paolo Virno, professore di filosofia del linguaggio all’Università degli studi Roma Tre, Vittorio Gallese, ordinario di fisiologia nel dipartimento di neuroscienze dell’Università di Parma e Anna Borghi, professore associato al dipartimento di Psicologia della facoltà di lettere e filosofia di Bologna. La giornata ha visto disegnarsi convergenze teoriche fruttuose ed inaspettate tra due esponenti della filosofia cosiddetta continentale, De Carolis e Virno, e due studiosi appartenenti alla “nuova scienza cognitiva”, per la quale sono fondamentali la scoperta dei neuroni-specchio (dovuta proprio agli studi pioneristici dell’equipe cui apparteneva Vittorio Gallese) e le concezioni embodied e grounded della cognizione, che da essa sono conseguite, e delle quali è stata Anna Borghi a farsi portavoce. Ciò che viene qui presentato, insieme al DVD con la videoregistrazione del convegno, è però qualcosa di più che una semplice raccolta degli atti. Si è voluto infatti offrire ai relatori l’opportunità di integrare i loro interventi con quanto di originale era stato prodotto nel convegno, fornendo altresì un tentativo di sintesi teorica attraverso le conclusioni di Marco Mazzeo, ricercatore presso l’Università del Salento.

Raffaele Ariano, laureatosi con una tesi sul pensiero di Michel Foucault, è dottorando in Filosofia presso l’Università San Raffaele.

Vittorio Azzoni, impegnato nella formazione degli adulti presso l’Istituto “Piero Sraffa” di Crema, rivolge i suoi interessi a pratiche di “self-edu” che indagano i processi di soggettivazione contemporanei, attraverso il pensiero della differenza ed il metodo foucaultiano dell’ontologìa del presente.

Michele Maglio, laureato in sociologìa, vive a Crema e si occupa di minori in affidamento presso una comunità educativa.