Laura Bazzicalupo

Dispositivi e soggettivazioni

Informazioni
Collana: Eterotopie
2013, 224 pp.
ISBN: 9788857518565
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Che cos’è un dispositivo? In che modo esso forma le soggettivazioni? è la domanda che l’autrice si pone, a partire da Foucault e dalla risposta che ad essa avevano dato autori come Deleuze e Agamben. Costituisce, infatti, l’oggetto di questo libro l’analisi dei dispositivi disciplinari, che implicano il disciplinamento ortopedico dei corpi, e biopolitici governamentali, che prendono in carico la vita, la incrementano, la curano. Pur rispondendo a logiche diverse, essi mantengono il carattere sostanzialmente inclusivo della governabilità delle vite, valutate e selezionate in base a criteri di rischio e potenzialità. Una selezione che, seguendo il codice economico, orienta verso una direzione negandone altre, incentiva soggettività marginalizzandone altre. Ed è proprio nel comportamento economico che vengono colti i caratteri persistenti di governamentalità delle vite, anche al di là del dirigismo economico dello Stato, della gestione politica, welfarista, dell’economia: la bioeconomia produce soggettivazioni, interne al dispositivo ma allo stesso tempo ambiguamente eccedenti, mettendo così in scacco la logica moderna del soggetto astratto e universale.

Laura Bazzicalupo insegna Filosofia politica all’Università di Salerno ed è presidente della Società italiana di filosofia politica. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Il governo delle vite. Biopolitica ed economia (2006); Superbia. La passione dell’essere (2008); Biopolitica. Una mappa concettuale (2010); Eroi della libertà (2011), Politica. Rappresentazioni e tecniche di governo (2013). Ha curato e introdotto il volume di J. Butler, E. Laclau, S. Žižek, Dialoghi sulla sinistra. Contingenza, egemonia, universalità (2010). Per i tipi Mimesis ha curato: Impersonale. In dialogo con Roberto Esposito (2008) e Il grande crollo. è possibile un governo della crisi economica? (2010).