Alfred Adler

Inferiorità e compenso psichico

Un contributo alla medicina clinica

Informazioni
A cura di: Egidio Ernesto Marasco
Postfazione di: Giangiacomo Rovera

Collana: Volti
2013, 140 pp.
ISBN: 9788857519050
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 14,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
 Print on Demand  € 14,00
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Con Studie über Minderwertigkeit von Organen, pubblicato a Vienna da Urban e Schwarzemberg nel lontano 1907, Adler si proponeva di illustrare il ruolo patogenetico che le inferiorità organiche potevano avere nell’insorgenza delle varie malattie, ma la sua opera ha fondamentale importanza perché, maturata e discussa nell’ambito della Società Psicoanalitica Viennese, diede un determinante impulso alla Psicoanalisi, tracciando un parallelismo fra organi inferiori e zone erogene e illustrando i processi psicodinamici che portano al sentimento di inferiorità e alla sua compensazione. Inferiorità e compenso psichico resta pertanto l’insostituibile strumento per capire a fondo i termini del dibattito psicoanalitico di allora e le sue successive evoluzioni. Senza una sua lettura non ci si può rendere conto, inoltre, della portata dei concetti di inferiorità e compensazione psichica, universalmente citati, ma non sempre conosciuti e compresi, e degli altri cardini della Psicologia Individuale di Adler, già tutti almeno abbozzati in quest’opera.

Alfred Adler nacque a Vienna il 7 febbraio 1870. Fece il medico generico nella periferia della capitale austriaca appassionandosi alla psicoanalisi e divenendo il più importante collaboratore di Freud dal 1902 al 1911. Durante questo periodo venne pubblicato Inferiorità e compenso psichico. Divergenze teoriche determinarono la scissione della Società Psicoanalitica Viennese e Adler creò la Società di Psicologia Individuale. La dottrina adleriana si diffuse rapidamente in Europa e in America, dove Adler insegnò dal 1926 al 1937. Durante un ciclo di conferenze in Europa fu stroncato da un infarto miocardico in una strada di Aberdeen il 28 maggio 1937.

Egidio Ernesto Marasco medico ed allievo di Francesco Parenti, è analista e didatta propedeuta della Società Italiana di Psicologia Individuale. Ha curato le traduzioni italiane di varie opere di Adler, delle Lezioni di Psicologia Individuale di Francesco Parenti e ha scritto la Storia della Psicologia Individuale in Italia

Giangiacomo Rovera medico e filosofo, ha diretto l’Istituto di Psichiatria e le due Scuole di Specializzazione nell’Università di Torino. Indiscusso caposcuola di tutti gli adleriani italiani, dirige la Società Italiana di Psicologia Individuale e la sua prestigiosa rivista.