Iolanda Poma

Una genesi ininterrotta

Autobiografia e pensiero in Jean-Jacques Rousseau

Informazioni
Collana: Essere e libertà
2013, 122 pp.
ISBN: 9788857519197
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Il percorso autobiografico di Rousseau nelle sue Confessioni si presenta ricco di sorprese. Qui si rinvengono le prime tracce delle idee poi teorizzate nei suoi scritti filosofici; da qui si torna a innervare di tensione i suoi concetti, in un processo di genesi ininterrotta. L’autobiografia poi, che ci si aspetta come luogo della rappresentazione enfatica dell’identità, viene ribaltata. Come racconto veridico di sé (auto-biografia), essa si scopre invece intramata dalla finzione; come scrittura di sé (auto-biografia), si riconosce invece percorsa dal rapporto con l’altro. L’ultimo segmento del termine, la –grafia, aiuta a comprendere i possibili motivi di questi ribaltamenti. La scrittura di sé che ci affida Rousseau contempla tutti gli elementi della sua impossibilità: la scrittura di un sé alla fine invisibile, ma in grado di rendere visibile a noi stessi la nostra stessa invisibilità. L’autobiografia perfetta.

Iolanda Poma è professore di Filosofia morale all’Università del Piemonte Orientale – Vercelli. Ha insegnato Filosofia della Religione ed Ermeneutica; attualmente è docente di Filosofia Morale e di Filosofia della Storia. Tra le sue pubblicazioni: Le eresie della fenomenologia. Itinerario tra Merleau-Ponty, Ricoeur e Levinas (1996); Minima philosophiae. La modernità in Th. W. Adorno (1998); Saggi su Th. W. Adorno (2002); Gabriel Marcel. La soglia invisibile (2008), autore di cui ha tradotto e curato l’opera Essere e Avere (1999).