Daniela Sacco

Mito e teatro

Il principio drammaturgico del montaggio

Informazioni
Collana: Filosofie del teatro
2013, 246 pp.
ISBN: 9788857520353
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Il teatro è il prisma attraverso cui indagare il meccanismo con cui si compone il mito. Teatro e mito condividono la questione dell’identità, centro nevralgico in cui l’individuale e il collettivo, il particolare e l’universale si intersecano in modo consonante e differente rispetto all’appropriazione che ne ha fatto il logos agli albori della cultura occidentale. Espressivo di questo rapporto è il montaggio: termine mutuato dal cinema e traslato a significare un dispositivo più generale. A dargli forma è un principio eminentemente drammaturgico, come emerge dall’indagine articolata in tre fasi: l’analisi drammaturgica della tragedia da Eschilo a Euripide, contesto d’elezione in cui il mito trova espressione. A cui segue la mappatura di una costellazione di pensatori – da Freud a Goethe a Ejzenštejn – determinanti nel delineare il ‘pensare per immagini’ proprio del Novecento. Infine l’analisi del metodo compositivo del teatro contemporaneo, dalle Avanguardie Storiche all’esito del teatro statunitense di Wilson e Sellars. Ne consegue che il montaggio, struttura compositiva del pensare in immagini, è il meccanismo mitopoietico all’opera nel teatro ‘predrammatico’ e in quello ‘postdrammatico’.

Daniela Sacco laureata in Filosofia a Venezia è Dottore di ricerca in Studi Classici presso l’Università degli Studi di Siena e collabora con il Centro studi classicA dell’Università IUAV di Venezia. Autrice di saggi, articoli e testi per la scena, ha di recente pubblicato Al di là delle colonne d’Ercole. Hillman erede infedele di Jung, 2013.