Graziella Tonon

La città necessaria

Informazioni
Collana: Architettura
2014, 116 pp.
ISBN: 9788857522470
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

In che condizioni si trova oggi la città? Nei due secoli che hanno visto l’utile economico e le leggi di mercato assurgere a regola dominante, il cammino compiuto dalla città appare come una progressiva caduta. Principio ordinatore degli assetti fisici e funzionali è la remuneratività degli investimenti e la riduzione a valore di scambio di ogni cosa, compresi gli organismi viventi e i loro spazi. Questo spiega sia l’accanimento contro le regole della convivenza civile sia gli oltraggi inferti alla bellezza dello spazio aperto pubblico in cui si è sempre identificata l’esistenza urbana. Architetti e urbanisti non sono esenti da responsabilità. Più d’uno arriva a trovare sublime il caos, affascinante il mostruoso, seducente l’informe, superato l’organico, insensate e improponibili le strade e le piazze storiche. Si possono chiamare centro le periferie metropolitane e definire città la loro scomposta spazialità, ma lo stato delle cose è tutt’altro: nel nuovo che avanza prevalgono gli ambienti inospitali, privi di bellezza, non sostenibili sul fronte ecologico come su quello sociale. Per contro lo spazio urbano della tradizione, con la civiltà che vi è testimoniata, è una lezione preziosa a cui è bene tornare a guardare.

Graziella Tonon è professore ordinario di Urbanistica presso la Scuola di Architettura Civile del Politecnico di Milano. Dirige l’Archivio Piero Bottoni che ha contribuito a fondare. Tra le sue pubblicazioni: La donna e l’organizzazione materiale dello spazio, in Donna lombarda 1860-1945, Angeli 1992; Piero Bottoni. Una nuova antichissima bellezza. Scritti editi e inediti 1927-1973, Laterza 1995; QT8: urbanistica e architettura per una nuova civiltà dell’abitare, in Le case nella Triennale. Dal parco al QT8, Electa 2005; Piero Bottoni: il valore costruttivo del colore, in La conservazione delle policromie nell’architettura del XX secolo, Nardini 2013. Con Giancarlo Consonni: Milano: classe e metropoli tra due economie di guerra, nell’Annale su La classe operaia durante il Fascismo della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, 1981; La terra degli ossimori. Caratteri del territorio e del paesaggio della Lombardia contemporanea nel volume Lombardia della Storia d’Italia Einaudi, 2001; Terragni inedito, Ronca 2006. Ha pubblicato tre raccolte di poesia: Irma, Scheiwiller 1996; Diva, Manni 2000; Traslochi, Manni 2008.