Alfred Adler

Psicodinamica dell’eros

Motivazioni inconsce della rinuncia alla sessualità

Informazioni
A cura di: Egidio Ernesto Marasco
Postfazione di: Gian Giacomo Rovera

Collana: Filosofie
2015, 200 pp.
ISBN: 9788857523316
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Per Adler la sessualità di un individuo non riguarda solo lui, ma è un problema di tutta la società e della conservazione della specie. Anticipando le più recenti scoperte delle neuroscienze, Adler afferma, inoltre, che il comportamento sessuale di un individuo è sempre il risultato di un training erotico in cui anche i modelli proposti da società, conoscenze scientifiche, leggi, tradizioni e superstizioni giocano un ruolo molto importante. Più che queste categoriche prese di posizione sulla psicopatologia sessuale, che lo hanno fatto mettere all’indice anche da molti seguaci della Psicologia Individuale, il volume ha un’enorme importanza dal punto di vista della psicopatologia generale perché è la più ampia e organica esposizione della teoria psicodinamica adleriana.

Alfred Adler nacque a Vienna il 7 febbraio 1870. Fece il medico generico nella periferia della capitale austriaca e si impegnò politicamente per migliorare le condizioni sociali dei suoi pazienti. Aderì poi alla psicoanalisi e fu il più importante collaboratore di Freud dal 1902 al 1911 quando, per divergenze teoriche, uscì dal Movimento Psicoanalitico. La sua Psicologia Individuale si diffuse rapidamente in Europa e in America, dove Adler insegnò dal 1926 al 1937. Durante un ciclo di conferenze, stroncato da un infarto miocardico, morì ad Aberdeen, in Scozia il 28 maggio 1937.

Egidio Ernesto Marasco, medico, allievo di Francesco Parenti, analista e didatta propedeuta della Società Italiana di Psicologia Individuale, ha curato la traduzione italiana di varie opere di Adler, delle Lezioni di Psicologia Individuale di Francesco Parenti ed ha scritto la Storia della Psicologia Individuale in Italia.

Gian Giacomo Rovera, medico e filosofo, ha diretto l’Istituto di Psichiatria e le sue Scuole di Specializzazione nell’Università di Torino. È presidente on. della International Society of Individual Psychology e, con i suoi allievi Fassino e Ferrero, è il maggior rappresentante mondiale dell’indirizzo psicodinamico dato da Schaffer e da Parenti alla Psicologia Individuale. Indiscusso caposcuola di tutti gli adleriani italiani, dirige la Società Italiana di Psicologia Individuale e la sua prestigiosa Rivista.