Gian Andrea Franchi

Una disperata speranza

Profilo biografico di Carlo Michelstaedter

Informazioni
Collana: Filosofie
2014, 340 pp.
ISBN: 9788857523408
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 24,00  € 22,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Lo scopo di questo lavoro sta nel tentativo di cogliere, al suo nascere, il rapporto tra vissuti e pensieri in un autore postumo, come Carlo Michelstaedter, che tentò disperatamente di superare il distacco tra vita e pensiero, sentito come un’imposizione inaccettabile. Il biografo, inteso come colui che si aggira intorno all’inafferrabile di un’esistenza, cerca di cogliere il passaggio fra il quotidiano, con le sue banalità, le sue fragilità, le sue crisi, i suoi slanci e la trasfigurazione ed elaborazione concettuale. Ha inseguito, con attenzione affettiva, lungo la breve esistenza di Carlo Michelstaedter, culminante in poco più di due anni di lavoro matto e disperatissimo, i momenti significativi di questo passaggio in cui l’emozione incomprensibile e potente o il modesto incidente quotidiano vengono piegati creativamente verso immagini che trapassano in concetti. In tale contesto assume particolare importante la dimensione onirica che agisce nel pensiero di Michelstaedter. Più precisamente, il biografo ha cercato di mostrare, attraverso le parole di Michelstaedter, il duplice gioco del pensiero, di trasfigurazione e di difesa nei confronti della fatica di vivere. Il tutto nel contesto storico estremamente denso di una Finis Austriae vissuta da un giovane di famiglia ebraica in una città austriaca, a maggioranza di lingua italiana, capoluogo di un territorio slavo al confine con l’Italia.

Gian Andrea Franchi, nato e vissuto fra il Trentino, il Friuli e l’Emilia-Romagna, ha insegnato filosofia nei Licei finché non ne ha potuto più. Si occupa di filosofia, intesa come pensiero nella polis. Ritiene che gli anni intorno al ‘68 siano stati i più significativi dal dopoguerra ad oggi. Quando crede di aver qualcosa da dire, cerca di pubblicare. Per Mimesis ha già pubblicato nel 2000 Il prediletto punto della dialettica socratica e altri scritti del suo compagno da sempre di pensieri.