Elena Ricci

Il dramma del Mediterraneo

Malta e Lampedusa, frontiere liquide, confini solidi

Informazioni
Collana: Eterotopie
2015, 182 pp.
ISBN: 9788857526225
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il testo esamina le modalità attraverso le quali la frontiera liquida mediterranea si ricompone all’interno di territori paradigmatici d’emergenza, quali le isole, secondo le logiche solide della territorialità moderna. L’idea che sottende il lavoro è che la frontiera sia un luogo (o un non-luogo) che manifesta o nega se stesso, a seconda di chi e come decide di attraversarlo. Da spazi utopici o spazi dell’ideale, le piccole isole di Malta e Lampedusa – oggetto di una ricerca etnografica condotta dall’autrice tra il 2011 e il 2013 – divengono spazi distopici, di messa al margine dell’Altro, del diverso, dell’errato. L’Altro è il migrante, attore dell’attraversamento, colui che agisce la frontiera e ne sperimenta le sue ricadute, una volta approdato “sulla terraferma”. Ed è qui che la frontiera si ricompone, secondo distinzioni chiare, binarie e di mutua esclusione (dentro/fuori), attraverso quelli che l’autrice individua come: confini di significato, confini spaziali, confini di cittadinanza.

Elena Ricci, dottore di ricerca in Politiche Sociali e Sviluppo Locale presso l’Università di Teramo, è attualmente cultrice della materia in Metodologie e Tecniche della Ricerca Sociale e Criminologica presso la facoltà di Sociologia dell’Università di Chieti-Pescara. Tra le ultime pubblicazioni Confinamento e detenzione alle frontiere d’Europa. Note sul caso maltese in “Etnografia e ricerca qualitativa”