Jan Spurk

E se le rane richiedessero un re?

Informazioni
Collana: Filosofie
2015, 88 pp.
ISBN: 9788857527918
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 8,00  € 7,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Jan Spurk esamina l’attualità del testo Le rane che chiedono un re di Sartre (1958). Per Spurk noi stiamo vivendo la fine di un’epoca e dobbiamo inventarci l’avvenire. Sebbene il testo di Sartre, scritto poco prima del referendum sulla Costituzione della V Repubblica, non descriva esattamente una realtà comparabile alla nostra, tuttavia Spurk riesce a offrire una panoramica della situazione critica contemporanea, che ci appare come una radicalizzazione della situazione descritta da Sartre: lo scacco del sistema politico, la personalizzazione, la serialità come caratteristica specifica dell’industria culturale, l’incapacità dello “spazio pubblico” di generare del pubblico. La dialettica tra spazio pubblico e privatizzazione dei bisogni e degli impulsi sono altri aspetti importanti analizzati nel testo e l’immagine della “palude che si dissecca” mette in rilievo una crisi che coinvolge a pieno il mondo d’oggi.

Jan Spurk è professore dell’Université Paris Descartes. Tra le sue ultime pubblicazioni: Désir de penser. Peur de penser (con Claudine Haroche e Eugène Enriquez, Lyon, 2006); Du caractère social (Lyon, 2007); Malaise dans la société (Lyon, 2010); Avenirs possibles. Du bâtiment de la société, de sa façade et de ses habitants (Lyon, 2012).