Dominique Dupuy, Domingo Faustino Sarmiento

Facundo

Civiltà e barbarie

Informazioni
A cura di: Alessandra Ghezzani
Traduzione di: Giulia Pardi
Introduzione di: Alessandra Ghezzani

Collana: Idee d’America Latina
2015,
ISBN: 9788857528137
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 24,00  € 22,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Nell’Argentina passata in breve tempo dalla dominazione spagnola a quella dei caudillos, Sarmiento racconta e fa rivivere nel suo presente la vita di Juan Facundo Quiroga, spietato generale protagonista delle sanguinose lotte civili successive all’indipendenza. All’epoca della dittatura di Rosas, Quiroga è un’entità soprannaturale, unico depositario del segreto che avvolge e spiega la storia del suo paese, alla luce di quella contrapposizione tra civiltà e barbarie destinata a lasciare un solco profondo nel pensiero argentino. Biografia, storia, pamphlet e saggio politico si fondono nel capolavoro a cui Sarmiento affida le sue riflessioni sul destino e sulle possibilità dell’Argentina post-indipendenza.

Domingo Faustino Sarmiento (1811-1888) è una delle figure più celebri della storia politica, letteraria e culturale argentina del XIX secolo. Ferreo oppositore della dittatura di Juan Manuel de Rosas, fu educatore, intellettuale appassionato, militare combattivo. Presidente della Repubblica dal 1868 al 1874, incarna gli ideali più puri della generazione liberale del ’37, l’anima romantica della letteratura argentina.

Alessandra Ghezzani insegna Lingua e Letterature ispanoamericane all’Università di Pisa. I suoi interessi vertono sulla narrativa ispanoamericana moderna e contemporanea, sulla rappresentazione dei processi culturali nei saggi e nelle cronache del XIX secolo, sui procedimenti argomentativi e finzionali. Oltre a vari articoli su J.L. Borges, J. Cortázar, A. Carpentier, R. Arenas, G. Cabrera Infante ha pubblicato la monografia Borges critico letterario. Strutture e procedimenti discorsivi (2008) e la prima traduzione italiana di Los raros di Rubén Darío (2012).

Recensioni