Roland Barthes

Il discorso amoroso

Seminario a l’école pratique des hautes études 1974-1976. Seguito da "Frammenti di un discorso amoroso inediti"

€ 28,00  € 26,60

Roland Barthes

Il discorso amoroso

Seminario a l’école pratique des hautes études 1974-1976. Seguito da "Frammenti di un discorso amoroso inediti"

Informazioni
Collana: Filosofie
2015, 670 pp.
ISBN: 9788857528434
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 28,00  € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

«Il linguaggio amoroso, “altro linguaggio” […:] attrito, frizione insopportabile che l’innamorato avverte tra il suo linguaggio amoroso (per lui: il linguaggio giusto) e ogni altro linguaggio: linguaggi costituiti dalla mondanità, dalla scienza, dalla moda, dalla generalità, avvertiti con orrore come artificiosità. […] Artificiosità: sensazione della inversione del reale. Il mondano, lo scientifico, la generalità: falsa realtà. Veramente reale è l’Amore (≠ “artificiosità”). Sensazione del soggetto innamorato: che l’Amore faccia vedere lucidamente la futilità, la vanità dei linguaggi non amorosi. L’Amore è mediatore di verità. Allargamento filosofico del sentimento amoroso. […] Divergenza dei sistemi: l’altro linguaggio rinvia alla divergenza dei campi, dei sistemi. Due sistemi divergenti: l’Amoroso e il Mondano. Ogni accavallamento è intollerabile. Quindi: la nudità della relazione col mondo (di esclusione, di separazione). Ma la separazione (che è di fatto una valutazione) incontra codici culturali che l’alimentano e le servono da alibi. […] All’innamorato in rottura con la mondanità, la socievolezza, la generalità, la conformità corrisponde un’estetica della dissimmetria, dell’inversione, dell’asindeto, della irregolarità. È almeno così che il soggetto innamorato si dice».
Roland Barthes, “Figura 8: Altro linguaggio”, Seminario, 30 gennaio 1975.

Roland Barthes (1915-1980) a l’École pratique des hautes études tenne per due anni (1974-76) un seminario su “il discorso amoroso”. Da esso fu tratto dallo stesso Roland Barthes, Fragments d’un discours amoureux (1977), così come i seminari, tenuti anch’essi a l’École pratique, su Sarrasine di Balzac (1967-69) e sul “lessico dell’autore” (1973- 74), dettero luogo rispettivamente a S/Z (1976) e a Roland Barthes par Roland Barthes (1975). Tramite l’utilizzazione degli archivi Roland Barthes depositati presso l’IMEC è stata avviata sotto la direzione di Éric Marty la pubblicazione (Seuil) di questi seminari, a cominciare da quello sul discorso amoroso. Sono stati pubblicati anche i seminari che Barthes tenne al Collège de France: Comment vivre ensemble, Le Neutre, La préparation du roman. In italiano quest’ultimo è stato pubblicato da Mimesis (intr., trad. e cura di Emiliana Galiani e Julia Ponzio).

Augusto Ponzio, professore emerito di Filosofia del linguaggio nell’Università degli studi di Bari, presso Mimesis dirige la collana “Athanor: Semiotica, filosofia, arte, letteratura”, di cui il volume più recente è Semioetica e comunicazione globale, a cura di Susan Petrilli; e su Barthes ha pubblicato a sua cura Roland Barthes. La visione ottusa. Nel 2014 ha pubblicato Michail Bachtin e il suo circolo. Opere 1919-1930, testo russo a fronte (intr., trad. e cura), Bompiani. 

Recensioni

Stefano Gallerani - Il Mattino, 11 agosto 2017
"I frammenti dell'amore social"
Leggi la recensione

Guido Mattia Gallerani - L'Indice, luglio 2015
"Semiologo, pensatore, scrittore mai codificato"
Leggi la recensione

Alberto Brambilla - La Gazzetta di Parma, 27 agosto 2015
"Barthes, la vertigine della parola"
Leggi la recensione

Federico Zappino - Doppiozero.com, 29 settembre 2015
"Ordini del discorso amoroso"
Leggi la recensione

Andrea Calzolari - Alias - Il Manifesto, 8 novembre 2015
"Un lungo sodalizio nonostante il veleno di Parigi"
Leggi la recensione

Marco Pacioni - Il Manifesto, 12 novembre 2015
"Una sapiente messa in scena dell'amore"
Leggi la recensione

doppiozero.com, 1 gennaio 2016
"Compassione"
Leggi l'estratto