Matteo Canevari

Lo specchio infedele

Prospettive per il paradigma teatrale in antropologia

Informazioni
Collana: Filosofie
2015, 174 pp.
ISBN: 9788857528854
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Diversi decenni fa, Clifford Geertz, in un saggio divenuto celebre (Generi confusi), rilevava un grande cambiamento in atto nelle scienze sociali, che finalmente riconoscevano la loro scientificità nella parentela con le scienze umane. Da quel momento iniziò un processo che ha portato a trovare nell’analogia, nella metafora, nella traduzione culturale gli strumenti propri di una disciplina, l’antropologia, che si occupa di soggetti viventi capaci di senso nel loro dire e nelle loro azioni. Il presente studio si pone come un’indagine critica delle linee di ricerca aperte dal paradigma teatrale sorto sulla scorta di Goffman, Turner e Schechner, che ha inaugurato nuove prospettive attingendo dal teatro – inteso come spettacolo e come performance – metafore illuminanti e pratiche di socialità originali per comprendere i processi culturali, in un’ottica di dialogo trasversale tra le discipline, auspicato da più parti ma spesso disatteso.

Matteo Canevari è professore a contratto di Antropologia culturale presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Pavia. è autore di una monografia su Georges Bataille (La religiosità feroce), di uno studio su Nietzsche (Leggere la Genealogia della morale) e di saggi su volumi e riviste specializzate. Diplomato presso la Scuola di teatro sociale del Teatro Fraschini di Pavia, ha svolto esperienza sul campo come membro fondatore dell’APS Calypso-Il teatro per il sociale. è redattore della rivista “Fenomenologia e Società” e vicepresidente del Gruppo di Ricerca Filosofica Chora.