Silvana Borutti

Soggetto, persona e fabbricazione dell’identità

Casi antropologici e concetti filosofici

Informazioni
Collana: Theoretica
2015, 164 pp.
ISBN: 9788857529929
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Recentemente il concetto d’identità è stato messo in discussione: l’identità dell’uomo moderno con la sua pretesa autonomia e la libertà di un sé pienamente sviluppato; l’identità collettiva con i suoi pericolosi sviluppi verso forme di riconoscimento chiuse, ripiegate su se stesse o congelate nei fantasmi delle identità nazionali. La questione dell’identità rinvia alle concezioni moderne del soggetto e della persona. Per rivisitarla in modo critico, i saggi raccolti in questo volume ricorrono alla prospettiva antropologica della fabbricazione dell’umano o antropopoiesi. In questa prospettiva, il soggetto si mostra nella sua identità individuale come prodotto delle relazioni intessute con il contesto ecologico, sociale e culturale, ma appare ugualmente dotato di intenzionalità, della possibilità di dire “io” e di una riflessività che gli permette di costruirsi in interazione con il suo ambiente. Centro instabile ed effimero di pratiche antropopoietiche di costruzione di sé in rapporto con gli altri, il “soggetto” è anche un concetto che richiede la comprensione delle dinamiche identitarie. Di qui i due approcci proposti in questo volume in vista di una definizione plurale e polivalente del soggetto e della sua identità. Da una parte una prospettiva antropologica, interessata a cogliere l’impatto identitario delle pratiche e delle rappresentazioni della persona in diverse culture, che consente di comparare e mettere in relazione definizioni del soggetto culturalmente differenti con il paradigma liberale dell’individualismo postmoderno. Dall’altra, una prospettiva filosofica che riconosce il rapporto ad un tempo necessario e costitutivo del soggetto con gli altri e che interroga le diverse declinazioni dell’alterità: l’alterità fuori dal sé e l’alterità interna al sé. Da questa doppia prospettiva emerge l’interesse epistemologico e strategico del concetto di intersoggettività, considerato nelle sue diverse accezioni filosofiche e socio-culturali.

Silvia Barberani è ricercatrice di Antropologia culturale all’Università di Milano-Bicocca.
Silvana Borutti è professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università degli Studi di Pavia.
Claude Calame è directeur d’études all’école des Hautes études en Sciences Sociales di Parigi.
Mondher Kilani è professore onorario all’Università di Losanna.
Claudia Mattalucci è ricercatrice di Antropologia culturale all’Università di Milano-Bicocca.
Luca Vanzago è professore associato di Filosofia teoretica e di Gnoseologia all’Università degli Studi di Pavia.