Matteo Bergamaschi

Performance divino-umana

La concettualità del drammatico nella proposta teologica di H.U. von Balthasar

€ 26,00  € 24,70

Matteo Bergamaschi

Performance divino-umana

La concettualità del drammatico nella proposta teologica di H.U. von Balthasar

Informazioni
Collana: Antrolopologia della libertà
2015, 346 pp.
ISBN: 9788857530239
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 26,00  € 24,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il testo offre uno studio sistematico del ruolo del drammatico nell’ermeneutica teologica di H.U. von Balthasar, recuperando in tale ottica i riferimenti alla storia del teatro, alla problematica del suo rapporto con le istituzioni ecclesiastiche, e le sollecitazioni provenienti dai principali drammaturghi occidentali. Il drammatico è così studiato non nei prolegomena alla teologia o dal punto di vista della comprensione dell’esistenza storica del soggetto, bensì nell’esposizione della dogmatica (cristologia, soteriologia, escatologia), verificando se esso si esaurisce in un riferimento estrinseco o se dispiega un autentico potenziale ermeneutico per la teologia. Il testo determina quindi il concetto di dramma che abbraccia la produzione dell’autore (dramma come incontro di libertà), e indaga quale modello drammaturgico sia effettivamente impiegato in sede teologica, sostenendo che, nell’esposizione della dogmatica, Balthasar abbandona il teatro della rappresentazione per impiegare un paradigma di riferimento più prossimo alla drammaturgia della performance. Il testo si articola in introduzione, primo capitolo (formazione di Balthasar, nascita della problematica del drammatico nel suo pensiero e rapporti tra cristianesimo e teatro), secondo capitolo (la presenza del drammatico nell’articolazione complessiva della produzione balthasariana), terzo capitolo (delineazione dello strumentario drammatico impiegato nella teologia balthasariana e sua applicazione alla dogmatica cattolica), conclusione.

Matteo Bergamaschi, laureatosi con lode in Filosofia presso l’Università Cattolica di Milano, ha svolto dottorato di ricerca presso il medesimo ateneo. È docente incaricato presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, sezione parallela di Torino, e docente invitato presso l’Università Pontificia Salesiana, sezione di Torino. È autore insieme a D. Navarria di Il segno intrattabile. Antropologia del simbolo e del consumo a partire da Silvano Petrosino