Francesco Mora

Thomas Hobbes e la fondazione della tecnica moderna

Realtà e virtualità dell’uomo e del potere

Informazioni
Collana: La Scala e l’album
2015, 188 pp.
ISBN: 9788857531038
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Thomas Hobbes universalmente è conosciuto per gli studi politicogiuridici sulla dottrina dello Stato e per il suo sistema filosofico scientifico-meccanicistico. A partire da queste fondamentali ricerche, il presente volume intende percorrere una via ancora poco battuta che coniuga la filosofia politica, la concezione dell’uomo e della sua corporeità, con l’avvento di un sapere e di una ontologia, quelli della tecnica, che si è ormai definitivamente distaccata dalla techné aristotelica e si sta incamminando sempre più rapidamente sulla strada del progresso tecnologico moderno. Attraverso la messa in chiaro della dialettica di reale e virtuale, di naturale e civile, il testo intende far emergere il ruolo decisivo che la riflessione di Hobbes apporta per la fondazione della tecnica moderna e per il suo successivo sviluppo.

Francesco Mora insegna Storia della filosofia contemporanea all’Università Ca’ Foscari di Venezia. La sua ricerca verte sulla cultura tedesca, sulla filosofia di Simmel, il pensiero di Heidegger, il problema dell’umanismo e del transumanismo e la crisi della Modernità. Ha prodotto numerosi saggi e monografi e. Attualmente si occupa della questione dell’animalitas e della cultura francese del Novecento. Ha pubblicato, tra l’altro, Principio Reciprocità (2005); Denaro e Vita (2010); Martin Heidegger. La provincia dell’uomo (2011).