Beatrice Bonato

Sospendere la competizione

Un esercizio etico

Informazioni
Prefazione di: Pier Aldo Rovatti

Collana: Eterotopie
2015, 164 pp.
ISBN: 9788857531960
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 15,00  € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La fede nella competizione riveste un ruolo fondamentale nel sistema di valori e nel modello antropologico oggi dominanti. Insieme a sfida, merito, valutazione, selezione, funziona come un importante tassello all’interno di un progetto politico e pedagogico in apparenza indiscutibile. Sembra impossibile sottrarsi agli imperativi agonistici, nonostante un disagio crescente ne sia il rovescio. Questo saggio cerca di indagare le radici del fascino con cui il paradigma competitivo ci cattura, di portarne alla luce le stratificazioni eterogenee, di ricostruirne una genealogia filosofica oltre che economica. L’analisi non è neutra: suggerisce uno spostamento, una sospensione della competizione come necessaria correzione di rotta per il nostro modo di pensare e di vivere. Un esercizio etico volto a disegnare spazi di esperienza e pratiche sociali diverse dalle gare, ma anche a riconoscere quelle già esistenti.

Beatrice Bonato insegna Storia e Filosofia al liceo “Niccolò Copernico” di Udine. Ha pubblicato articoli su J. Lacan, P. Ricoeur, E. Levinas, J. Derrida, J. Butler. Per Mimesis ha curato i “Quaderni di Edizione” Come la vita si mette al lavoro. Forme di dominio nella società neoliberale (2010), Fabbricare l’uomo. Tecniche e politiche della vita, con C. Tondo (2013) ed Europensieri. Un’altra Europa? (2014). Ha curato il numero 358 di “aut aut” La scuola impossibile (2013). 

Recensioni

Renato Puleo - Le monde diplomatique, gennaio 2016
"Sospendere la competizione. Un esercizio etico"
Leggi la recensione