Alain Badiou

Alla ricerca del reale perduto

Informazioni
A cura di: Giovanbattista Tusa

Collana: Volti
2016, 76 pp.
ISBN: 9788857532974
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 8,00  € 7,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 5,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

È possibile modificare il mondo e, in un certo senso, inventarlo ogni giorno? Oppure il reale è un orizzonte normativo al quale possiamo solo sottometterci? Alain Badiou, tra i più grandi filosofi francesi viventi della generazione di Deleuze e Lyotard, propone in questo libro una “ricerca del reale perduto”, che passa per Molière, Lacan e, soprattutto, Pasolini. Sembra infatti che la conoscenza del reale sia stata affidata in maniera cieca e irrevocabile all’economia, anche nel momento in cui essa ammette la propria impotenza, la propria incapacità di prevedere disastri imminenti. Per Badiou è necessario un cambio di rotta, un atto che affermi l’esistenza dell’impossibile perché questo è il “gesto fondamentale di conquista del reale: dichiarare che l’impossibile esiste”. Un libro che è un inno alla ricerca della vitalità, al di sotto delle ceneri di un mondo che è solo apparentemente in rovina. Il libro è stato pubblicato in Francia da Fayard nel 2015 ed è proposto per la prima volta in traduzione italiana.

Alain Badiou scrittore, filosofo, professore emerito all’École normale supérieure di Parigi, è fra i massimi filosofi viventi. Sua opera principale è L’essere e l’evento (1988), tradotto in italiano dal Melangolo nel 1995. Tra le sue pubblicazioni in italiano più recenti: Metafisica della felicità reale (2015); Elogio dell’amore (2013); L’avventura della filosofia francese (2013); La Repubblica di Platone (2013); La filosofia al presente (con Slavoj Žižek, 2012) Finito e infinito (2011); Manifesto per la filosofia (2008).

Giovanbattista Tusa (1979) filosofo, si occupa di media, cinema, teoria critica. Svolge la sua attività tra Parigi e gli Stati Uniti, dove collabora con numerose istituzioni e centri di ricerca.

 

Recensioni

Francesco Ceraolo - alfabeta2.it, 17 maggio 2016
"Alain Badiou, la passione di essere nel mondo"
Leggi la recensione

Benedetto Vecchi - Il Manifesto, 13 luglio 2016
"Il teologo dei tempi migliori"
Leggi la recensione