Marco Bastianelli

Realtà o linguaggio

La questione della verità da Frege a Putnam

Informazioni
Collana: Filosofie Analitiche / Linguaggio
2015, 338 pp.
ISBN: 9788857533636
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 28,00  € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La riflessione sulla verità appare caratterizzata da un’inevitabile ambiguità: si è portati spontaneamente a ritenere che un enunciato vero corrisponda alla realtà, ma quando si tenta di esprimere la relazione tra l’enunciato e il mondo, non si riesce a farlo se non pronunciando altri enunciati. In tal modo, però, la garanzia di verità sembra ridursi a un rimando senza ?ne da enunciati ad altri enunciati e l’impressione è di restare con?nati entro i limiti del linguaggio. Il volume esplora il lungo e complesso dibattito che si snoda tra Frege e Putnam alla luce delle difficoltà inerenti alla concezione intuitiva. Alle origini della filosofia analitica, il problema della verità viene affrontato secondo il metodo di analisi logico-linguistica, per poi essere progressivamente riconfigurato su basi epistemologiche con il Neopositivismo. Le questioni che si aprono sui diversi fronti di indagine, tuttavia, impongono anche una riflessione tesa a rivalutare gli aspetti pragmatici della verità. L’attenzione si concentra quindi sulle cosiddette concezioni deflazioniste, le quali permettono di evidenziare, per via negativa, altri caratteri utili a chiarire il concetto di verità. Infine, attraverso il contributo di Davidson, Rorty e Putnam, si giunge alla conclusione che la verità è una nozione insieme robusta e complessa, come una corda che nasce dall’intreccio di numerosi fili di corrispondenza, asseribilità garantita, sincerità, validità ed efficacia pragmatica. In quanto tale, perciò, la verità è soprattutto un valore che richiede di essere perseguito, insieme il presupposto e la meta finale delle ricerche su ciò che chiamiamo realtà. 


Marco Bastianelli, dottore di ricerca in Filosofia e Scienze umane e già assegnista di ricerca presso l’Università di Perugia, attualmente insegna Filosofia e Storia nei Licei. Ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale nei settori di Filosofia Teoretica, Filosofia del Linguaggio, Storia della Filosofia e Filosofia Morale. È membro della Internationale Ludwig Wittgenstein Gesellschaft e della Österreichische Ludwig Wittgenstein Gesellschaft e, dal 2013, Presidente della Paul Ernst Gesellschaft. Si occupa prevalentemente di filosofia contemporanea, avendo all’attivo numerose pubblicazioni e saggi tra cui, per l’editore Mimesis, Oltre i limiti del linguaggio. Il kantismo nel Tractatus di Wittgenstein (2008) e Linguaggio e mito in Paul Ernst. Indagine su una fonte di Wittgenstein (2010).