Aurelia Delfino

Danze

Poesie 1993-2016

Informazioni
Collana: Fuori collana
2016, 72 pp.
ISBN: 9788857534053
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 6,00  € 5,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

“Delfino ci chiede di pensare la vita come unità, ci induce a pensare la vita senza fare penitenza, ci indica che il valore dell’esistenza sta lì, nella vita stessa. Con la danza, l’essere umano si avvezza alla vita terrena, al suo essere terreno. La danza interviene e agisce sull’esistenza, è essa stessa vita, forse è la potenza che governa lo scorrere della vita. Tra chi scrive e chi danza ha luogo un moto di avvicinamento interminabile. Quando le parole prendono un’abissale pausa dal buon senso comune e politico, la danza comincia a incarnare le vie d’uscita possibili. Più comune all’uomo del suo corpo non esiste luogo. La poesia è l’unica forma di compromesso accettabile tra le Danze indomabili e la parola, data.” Dalla prefazione di Flavio Ermini

Aurelia Delfino, ha insegnato filosofia all’Università di Milano-Bicocca e all’Istituto Voltaire di Monza. È ballerina e insegnante di danza creativa, giornalista e mamma. Ha collaborato per anni con la casa editrice Mimesis. Tra le sue pubblicazioni: Il filosofo clandestino. Spinoza nei manoscritti proibiti del Settecento francese (Ghibli 2009), L’anima e la danza di Paul Valéry (a cura di, Mimesis 2014), Lettera al padre di Karl Marx (a cura di, Mimesis 2015).

Recensioni

Antonella Lovisi - Il Segnale, febbraio 2018
"Danze, quando è il corpo che parla"
Leggi la recensione

Flavio Ermini - tellusfolio.it, 18 aprile 2017
"Il respiro dei sensi"
Leggi l'estratto