Giulia Pils

Design e rito

La cultura del progetto per il patrimonio rituale contemporaneo

Informazioni
Collana: Eterotopie
2017, 164 pp.
ISBN: 9788857535166
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

A partire dal complesso rapporto tra Design e Humanities questo volume intende indagare il ruolo del progetto in relazione al fenomeno rituale, fornendo concreti stimoli di contenuto, processo e metodo attraverso un’analisi che affianca alle discipline socio-antropologiche le culture del progetto. In questo scenario, le pratiche quotidiane, la tecnologia, le espressioni artistiche si intrecciano, si citano e si nutrono reciprocamente, generando corto circuiti interessanti da cui il design emerge come disciplina caratterizzata da una natura connettiva e generativa, strumento facilitatore in grado di trasferire – sotto forma di prassi progettuale – peculiarità e conoscenze di altri settori. Proprio la questione della relazione tra design e scienze umane, nonché la “dote” che il progettista porta con sé nel confronto con la ricerca umanistica, è il nodo centrale di questo saggio, che si propone di problematizzarla con approcci interpretativi design driven attraverso la trattazione teorica e la lettura critica di casi.

Giulia Pils è designer, ricercatrice e docente. Dopo la laurea in Design al Politecnico di Milano ha conseguito il PhD con una tesi sul contributo del design all’osservazione dei fenomeni rituali contemporanei. Si occupa di ricerca, progettazione e insegnamento nell’ambito della cultura tessile e degli interni.

Raffaella Trocchianesi è architetto e professore associato presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano. Si occupa di Design for Cultural Heritage in termini di allestimento-museografia, identità e valorizzazione del territorio, narrazioni e linguaggi per la fruizione culturale. Si interessa della relazione tra design e humanities e tra arte e design.