Barbara Ghiringhelli

Anthropology of Life

Quando l’altro è di un’altra specie

Informazioni
Collana: Eterotopie
2017, 120 pp.
ISBN: 9788857536071
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

In una prospettiva antropologica, il volume si inserisce nel dibattito contemporaneo relativo al percorso di revisione della defi nizione di “cultura”, di “natura”, di “specie” e di ripensamento di tali categorie in termini di rapporto/interazione. Un dibattito sulla relazione tra l’uomo e gli altri organismi viventi, nello specifi co gli animali, centrato sul passaggio dal considerare questi ultimi meri “oggetti” funzionali per l’uomo a “soggetti” agenti nella relazione con l’umano e nella costituzione dei contesti di vita. La questione è relativa allo specifi co ruolo che l’antropologia può avere in tale dibattito teorico e metodologico e all’opportunità che si presenta per la disciplina, attraverso il riconoscimento dell’“altro” di altra specie, di indagare in maniera più profonda l’ampia questione del confronto dell’uomo con l’alterità e di dotarsi di nuove e più appropriate prospettive per analizzare e comprendere la complessità in cui la vita umana è immersa. Nel volume tale percorso è analizzato attraverso l’investigazione della relazione uomo-cavallo, un rapporto speciale, iniziato in un’epoca remota, che ha infl uenzato l’ascesa e la caduta delle civiltà e che ha modellato e defi nito le culture di numerose popolazioni. Nel testo ci si sofferma sull’importanza del cavallo nella cultura araba, preislamica e islamica. Se infatti l’attenzione al cavallo era già presente in epoca preislamica, è con l’avvento dell’Islam che tale attenzione raggiunge dimensioni inedite. Il cavallo, che ha avuto un ruolo chiave nell’espansione dell’Islam e della lingua araba, diventa un dono, un regalo che conferisce all’uomo il dovere di essere grato e che costituisce una fonte di ricompense spirituali e materiali. Un rapporto quindi che ben si presta a esplorare concretamente uno dei modi in cui la relazione uomo-animale si sia trasformata nel tempo in una serie di tradizioni culturali e religiose ben identifi cabili, in un’intricata rete di rimandi simbolici, in situazioni di interazione interspecie.

Barbara Ghiringhelli, insegna Antropologia culturale e Antropologia del turismo presso la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. Si occupa di diversità culturale, etnica, religiosa, di specie, indagata prendendo quale area di riferimento principale il mondo arabo e islamico. Ha effettuato ricerche in ambiti quali la famiglia, la mobilità umana, il transnazionalismo, il dialogo interculturale, il dialogo islamo-cristiano, le tradizioni immateriali, il rapporto uomo-animale, in diversi Paesi, tra cui: Marocco, Tunisia, Senegal, Ghana, Burundi, Etiopia, Emirati Arabi Uniti, Qatar.