Faruk Šehić

Il mio fiume

Informazioni
Traduzione di: Elvira Muj?i?

Collana: ELIT
2017, 208 pp.
ISBN: 9788857536767
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 6,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Essere di nuovo intero, ricucire gli stralci del tempo e dello spazio spezzati dalla guerra per trovare una continuità e superare il proprio trauma è ciò che Mustafa Huser, poeta e soldato, si propone di fare. Nasce così un labirinto onirico che si dipana su tre tempi diversi: quello dell’innocenza, l’infanzia e la giovinezza in un paesino bosniaco sulle rive del fiume Una, dove il protagonista vive immerso nell’idillio della natura, innamorato del fiume, dei suoi abitanti reali o immaginari, della sua vegetazione rigogliosa e dei cicli vitali che detta inesorabilmente. Irrompe poi il tempo della distruzione, quando sulla linea del fronte Mustafa percorre i meccanisimi di lucidità e follia di chi si trova a imparare a odiare e uccidere per sopravvivere. Infine, il dopoguerra, carico dei fantasmi e dei tentativi di tornare alla normalità in una città e un Paese ormai distrutti. E proprio da questa impossibile normalità Mustafa ci conduce nel suo mondo interiore allucinato, rabbioso, doloroso e tenero. Il linguaggio si accorda al percorso intimo del protagonista: ora è malinconico, poetico e fantasmagorico, ora crudo, caustico e sofferente. Sulle rive del suo fiume immutabile ed eterno, Mustafa, archivista e cronista del mondo passato, affida alla parola scritta il compito di ricreare la bellezza di quanto è andato perduto.

Faruk Šehi?, poeta, scrittore e giornalista bosniaco, è nato nel 1970 a Bihac e cresciuto a Bosanska Krupa. Ha studiato veterinaria a Zagabria fino allo scoppio della guerra in Bosnia nel 1992, quando ha fatto ritorno per arruolarsi nell’Esercito della Bosnia Erzegovina. Durante il conflitto è stato comandante di un’unità di centotrenta soldati ed è stato ferito gravemente a un piede. Dopo la guerra ha studiato Letteratura all’Università di Sarajevo. Lavora come giornalista per il settimanale BH Dani. Considerato una delle voci più autentiche e poetiche della ex-Jugoslavia, pone al centro della sua opera l’esperienza della guerra, raccontandone la quotidianità, la brutalità, ma anche l’umanità con uno stile sobrio e poetico. Ha pubblicato: Poesie in divenire (Sarajevo, 2000), Hit Depot (Sarajevo, 2003), Sotto pressione (racconti brevi, Sarajevo-Zagabria 2004), Transsarajevo (Zagabria, 2006). Il suo primo romanzo Il mio fiume (Buybook Sarajevo, 2011) ha vinto il premio Meša Selimovic nel 2012 e il Premio dell’Unione Europea per la Letteratura nel 2013.

Recensioni

Faruk Sehic - Nuovi Argomenti, 14 maggio 2018
"Faruk Sehic, poesie"
Leggi l'articolo

Diva e donna, 6 febbraio 2018,
"Divi che leggono"
Leggi la recensione

Davide Brullo - Il Giornale, 9 gennaio 2018
"Sehic, il poeta armato"
Leggi la recensione

Davide Brullo - linkiesta.it, 29 novembre 2017
"Un libro lirico e psichedelico sulla sporca guerra in Bosnia"
Leggi l'intervista

Cristina Battocletti - Il Sole 24 Ore, 12 novembre 2017
"Giusta distanza mai"
Leggi la recensione

Giovanni Iozzoli - ilpickwick.it, 25 aprile 2017
"Frammenti implosi di gioventù bosniaca"
Leggi la recensione

Internazionale, 13 aprile 2017
"Libri consigliati"
Leggi la recensione 

Kapka Kassabova - Internazionale, 6 aprile 2017
"Libri"
Leggi la recensione 

Ira Rubini - Speciale Bookpride (Radio Popolare), 24 marzo 2017
"Gli speciali di Radio Popolare di ven 24/03"
Ascolta la puntata

Felice Cimatti - Fahrenheit (Radio Tre), 24 marzo 2017
"Fahrenheit- Culture europee"
Ascolta la puntata

Internazionale, 24 marzo 2017
"Ricevuti"
Leggi la recensione

Annarita Briganti - La Repubblica (ediz Milano), 24 marzo 2017
"Il poeta soldato di Bookpride"
Leggi la recensione