Oreste Scalzone

‘77, e poi

Da una conversazione con Pino Casamassima

Informazioni
Prefazione di: Erri De Luca

Collana: Memoria Attiva
2017, 336 pp.
ISBN: 9788857537122
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00  € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 9,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

1977: assalto al cielo, che “finalmente cade sulla terra”. Mentre “il cielo della politica” è scosso da vicende infime come gli scandali, si impenna l’onda della sovversione sociale. Occupazioni, scontri di piazza, l’assassinio poliziesco di Francesco Lorusso, l’immenso tumulto del 12 marzo a Roma. Irrompe un movimento inedito: una “generazione ’77” esonda da fabbriche e scuole, militanti tracimano dalla sinistra extraparlamentare. Si contestano economia e società, Stato, partiti, sindacati, status quo e narrazioni di futuro. Oltre il ’68: la “politica” lascia il posto a forme inedite di vita, riflessione, azione. Dilaga nei territori, con università e scuole divenute base logistica dell’operaio sociale – giovane proletariato acculturato, precario, disoccupato, inoccupato, ribelle –, una critica di massa della società del Lavoro e dell’omonima Repubblica, un’attiva estraneità ostile allo Stato. Impattandosi con “l’emergenza come governo” che connota il regime del “compromesso storico”, col Pci che spinge “la classe operaia a farsi Stato”, polizia sociale, e a gestire la “controinsurrezione”, la forma del movimento diviene una sorta di stato d’insurrezionalità endemica che arriva “fino alle armi”, e a quella che sarà defi nita “guerra civile di bassa intensità”.
Oreste Scalzone, come un “cantastorie e un griot”, racconta un Settantasette, quello che ha vissuto, tra “movimento del valore d’uso contro uno Stato metastatizzato” e tentativo di colpirne “il cuore”.

Oreste Scalzone Il nome di Oreste Scalzone è associato nel ’68 alla “Battaglia di Valle Giulia” e alla panca fascista che gli piove addosso da una finestra della facoltà di Legge a Roma. Nel ’69 partecipa alla fondazione di Potere Operaio e, nel decennio successivo, è sempre in mezzo, nell’arcipelago autonomo, all'onda lunga della rivolta sociale a epicentro operaio. Arrivata la risposta statale ai “dieci anni che sconvolsero il mondo”, è arrestato nella retata giudiziaria del 7 aprile ’79. Ammalatosi, sarà scarcerato quasi in articulo mortis. Nell’81 fugge in Francia, dove con altri e altre si batte contro le estradizioni, per un asilo indifferenziato e incondizionato, propugnando al contempo l'amnistia “per tutti e ciascuno”. Nel 2007 matura la prescrizione della pena. Vive da allora una “pendolarità” tra Parigi e varie città italiane. Partecipa ad attività rivoltose e solidali, nel vario campo di un comunismo radicale, autonomo, libertario

Pino Casamassima Giornalista professionista e saggista. È stato caposervizio a “L’Indipendente”, attualmente collabora con il “Corriere della Sera”. Ha pubblicato una quarantina di libri, alcuni dei quali tradotti all’estero. Sugli anni Sessanta-Settanta: '68, l’anno che ritorna, con Franco Piperno (2008), Brigate Rosse (2010), Gli irriducibili. Storie di brigatisti mai pentiti (2012).

 

Recensioni

Pino Casamassima - Corriere della Sera (ediz. Brescia), 13 maggio 2017
"Fatti e misfatti del mio libro con Oreste Scalzone"
Leggi la recensione

Alessandro Pedretta - iyezine.com, 2 maggio 2017
"77 e poi... di Oreste Scalzone"
Leggi la recensione

Mario Bonanno - sololibri.net, 15 aprile 2017
"77 e poi... di Oreste Scalzone"
Leggi la recensione

Vittorio Giacopini - Pagina3 (Radio Tre), 12 aprile 2017
"Moralismo e moralità"
Ascolta la puntata

Ivan Carozzi - Linus, aprile 2017
"Dove sta Scalzone"
Leggi la recensione 

Filippo La Porta - leparoleelecose.it, 10 aprile 2017
"Il 1977, la politica, la violenza"
Leggi la recensione

Manuela De Vito - Storia (Radio Libri), 5 aprile 2017
"77 e poi..."
Leggi la recensione

Andrea Colombo - Il Manifesto, 24 marzo 2017
"Una alluvionale flusso di parole per parlare del Settantasette"
Leggi la recensione

Giovanni Iozzoli - carmillaonline.com, 18 marzo 2017
"Il Settantasette e poi… secondo Oreste Scalzone"
Leggi la recensione

Pino Casamassima - Corriere della Sera (ed. Brescia), 23 febbraio 2017
"1977, Scalzone racconta un'epoca a Casamassima"
Leggi la recensione 

Antonio Carioti - La Lettura, 4 febbraio 2017
"1977"
Leggi la recensione