Francesca Gruppi

Dialettica della caverna

Hans Blumenberg tra antropologia e politica

Informazioni
Collana: Filosofie
2017, 228 pp.
ISBN: 9788857537672
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00  € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Si può parlare di un’antropologia filosofica blumenberghiana? Perché l’autore la definisce “fenomenologica”? Come cambiano le pretese della filosofia, alla luce di una revisione antropologica della fenomenologia? In che condizioni e circostanze Homo sapiens e la sua ragione sono divenuti tali? Quali sono state le fasi cruciali del risveglio umano? E quali sono, ancora, le prestazioni e le strategie che consentono alla nostra specie di sentirsi a casa nel mondo? Come si costruisce il “biotopo sociale” e quanto è possibile per l’uomo modificare la propria realtà e la propria storia? Come può risolversi la “dialettica della caverna” tra sedentarietà e nomadismo, conservazione e utopia?
Facendo esplodere il binomio natura/storia attraverso una riflessione sui tempi profondi dell’umanità, Blumenberg suggerisce la possibilità di un’antropologia filosofica non fissista né rigidamente essenzialista, e dunque, specularmente, di un pensiero politico che possa finalmente cessare di respingere come reazionaria l’antropologia filosofica, e anzi attingervi per comprendere le disposizioni dell’umano e il loro spazio di plasmabilità.

Francesca Gruppi (Torino, 1981). Dottoressa di ricerca in Filosofia della Storia, ha studiato il pensiero di Hans Blumenberg a partire dalla teoria del mito fino alle riflessioni antropologico-fenomenologiche. Ha pubblicato contributi su riviste di filosofia e storia del pensiero e in volumi collettanei. I suoi interessi principali vertono sulle intersezioni fra antropologia filosofica, teoria del mito, letteratura e filosofia politica.