Luca Martignani

Immaginario distopico e critica sociale

Una interpretazione sociologica e culturale delle opere di Charles Bukowski e Michel Houellebecq

Informazioni
Collana: Coincidentia Oppositorum
2017, 178 pp.
ISBN: 9788857540047
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo volume è dedicato alla relazione tra realtà sociale e rappresentazione (soprattutto letteraria), e riflette in particolare sul tema delle distopie, cioè su quegli scenari che indicano luoghi indesiderabili rispetto al progetto inaugurato dalla modernità e orientato a costruire l’ordine sociale sulla base di princìpi come la libertà individuale, l’uguaglianza delle condizioni di partenza e la ricerca della felicità personale. Sono tante le trasformazioni della società occidentale contemporanea, così come i rischi che la attraversano: l’inclusione sociale dei flussi migratori, la precarizzazione del vissuto individuale, la separazione progressiva tra singoli e istituzioni, l’emergere di un nuovo individualismo separato dalla ragione razionale. Tali rischi rappresentano elementi che indicano il carattere contingente dell’ordine sociale su cui la modernità ha fondato il proprio progetto di integrazione normativa. I mezzi simbolici tradizionali (come il denaro, il potere, la fiducia, la verità e l’amore) circolano secondo modalità sempre meno prevedibili, che riflettono l’assenza di un solido progetto filosofico sulla base del quale dare un indirizzo ai processi di socializzazione. Il testo si concentra sulla sfera intima e delinea il profilo di alcune utopie nere in quanto esiti di specifici processi di depotenziamento simbolico delle relazioni sociali, in particolare di quelle amorose. Lo fa utilizzando come oggetto di studio la letteratura di Charles Bukowski e Michel Houellebecq, nella piena convinzione che il romanzo – in quanto oggetto culturale – sia uno degli strumenti metodologici capaci di indicare, anticipare e sottolineare alcuni dei processi più significativi di variazione, selezione e stabilizzazione della realtà.

Luca Martignani è Ricercatore confermato di Sociologia generale presso l’Università di Bologna. Si occupa di teoria sociologica, di epistemologia e ontologia sociale, delle trasformazioni strutturali e culturali del welfare state, della relazione tra rappresentazione (fiction, cinema e letteratura contemporanea) e realtà sociale. È stato Visiting Researcher all’IDHEAP (Institut des Hautes Etudes en Administration Publique) presso l’Università di Losanna e al CERLIS (Centre de Recherche sur les Liens Sociaux) presso l’Università di Parigi Descartes/CNRS. Per i tipi di Mimesis ha pubblicato: Sociologia e Nuovo Realismo. Ontologia sociale e recupero dell’interpretazione, 2013; Dell’inesistenza della società perfetta come perfetta società. Ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la forma. Postfazione a Il problema della sociologia di Georg Simmel, 2014; Preferisco ignorare Bukowski! La costruzione sociale dell’amore tra conversazione privata e criterio politico nell’opera di Jean-Claude Kaufmann. Postfazione a Per una storia politica e sociale dell’amore di Jean-Claude Kaufmann, 2015.