Giorgio Mangani

Antichità inventate

L’archeologia geopolitica di Ciriaco d’Ancona

Informazioni
Collana: Kosmos
2017, 160 pp.
ISBN: 9788857540504
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Un’interpretazione molto accreditata (da Benedict Anderson a Eric Hobsbawm) dell’origine degli stati nazione suggerisce che, oltre alla lingua, il collezionismo dei musei nazionali, la standardizzazione del cursus formativo scolastico e la rivoluzione tipografica abbiano svolto un ruolo decisivo nella “invenzione delle tradizioni” cui fu affidata la funzione di collante identitario dei popoli. Ma questo sarebbe avvenuto solo in età moderna: niente del genere sarebbe stato immaginato per gli stati dell’antico regime. Questo libro spiega come la tecnica della invenzione della tradizione sia stata efficacemente impiegata da Ciriaco Pizzecolli, noto come Ciriaco d’Ancona (1391-1452/55) anche molto tempo prima, almeno nel XV secolo, per motivi geopolitici, utilizzando l’archeologia e il collezionismo di antichità come un’arma da guerra e come veicolo delle ideologie della sovranità. Ciriaco è tradizionalmente considerato il fondatore dell’archeologia e della scienza antiquaria; i suoi biografi sottolineano, a partire dal contemporaneo Francesco Scalamonti, l’eccentricità della sua formazione prevalentemente commerciale. Il libro cerca di spiegare che fu invece proprio questo “occhio da mercante” e da diplomatico, se non addirittura di spia, a fare la differenza. Ciriaco, infatti, fece due cose: contribuì a diffondere l’interesse per il collezionismo delle antichità tra le classi dirigenti occidentali producendo quella che può essere chiamata una “commoditizzazione” di beni non ancora considerati al suo tempo di valore commerciale (solo successivamente apprezzati anche sotto questo profilo); utilizzò quelli da lui acquistati o copiati nel corso dei suoi numerosi viaggi in Grecia come doni per convincere politici, aristocratici e ricchi mercanti ad aiutare l’impero bizantino sotto attacco da parte dei Turchi, trasformando la tradizione antica e pagana nel patrimonio comune dell’Occidente.

Giorgio Mangani si occupa da oltre trenta anni di storia del pensiero geografico e di storia della cartografia, di geografia culturale e di sviluppo locale a traino culturale. Ha insegnato materie geografiche in diverse università (Urbino, Bologna/Cesena, Bergamo, Politecnica delle Marche di Ancona). È stato consulente culturale e direttore di diverse istituzioni culturali come il Sistema museale della provincia di Ancona, la Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, la Provincia di Ancona, la casa editrice Il Lavoro Editoriale.
Tra i suoi libri, Il “mondo” di Abramo Ortelio. Misticismo, geografia e collezionismo nel Rinascimento dei Paesi Bassi (1998, ried. 2006); Cartografia morale. Geografia, persuasione, identità (2006); Geopolitica del paesaggio (2012); Gherardo Cibo. Dilettante di botanica e pittore di ‘paesi’ (2013, con L. Tongiorgi Tomasi, Premio Pasquale Rotondi 2014).

Recensioni

Simone Paliaga - Avvenire, 25 ottobre 2017
"Ciriaco d'Ancona il primo archeologo"
Leggi la recensione