Anna Camaiti Hostert

Trump non è una fiction

La nuova America raccontata attraverso le serie televisive

Informazioni
Introduzione di: Alberto Abruzzese

Collana: Il Caffè dei Filosofi
2017, 198 pp.
ISBN: 9788857540764
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

A partire dalla profonda trasformazione del modo di fare televisione registrato dalla fine degli anni ’90, questo saggio prende in esame le più significative serie televisive americane degli ultimi anni. Culmine del cambiamento è il tragico attentato del 2001 alle Torri Gemelle, unico episodio di aggressione del suolo americano. A una semplificazione del mondo, ridotto a scontro di civiltà, si è contrapposta una maggiore complessità dei personaggi delle fiction che acquistano uno spessore tragico mai avuto in precedenza, diventando manifestazione di contraddizioni sociali ed economiche che aprono lo spazio alla formazione di nuove identità. Con la crisi del 2008 e durante la presidenza Obama, gli Stati Uniti hanno paradossalmente fatto riemergere i fantasmi del razzismo e hanno inasprito le differenze di classe. Proprio queste contraddizioni, unica vera anima sussumibile dell’America, hanno portato all’elezione di Donald Trump. Gli eroi delle serie prese in esame rivelano elementi che si credevano superati, creando da un lato, in direzione centripeta, una dolorosa coscienza della “banalità del male” e dall’altro, in direzione centrifuga, aspettative di recupero di una grandezza e superiorità anche razziale che sembrano coagularsi nello slogan elettorale di Trump Make America great again. Con Trump, infatti, si chiude un ciclo storico che infrange in maniera irreversibile il primato del politically correct e si apre la strada ai populismi di ogni genere, ma anche a soluzioni inaspettate e imprevedibili. Il sentire dell’intero paese, da nord a sud, subisce una profonda trasformazione che le serie prese in esame, proprio per la loro differenziazione geografica, mettono in evidenza.

Anna Camaiti Hostert vive tra l’Italia e gli Stati Uniti da più di trent’anni. È stata docente di filosofia e visual studies e ha insegnato nelle università di Roma, Chicago e Los Angeles. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche italiane ed è attualmente editorialista del webmagazine “Succedeoggi”. È tra le fondatrici della rivista “Ágalma”. Tra le sue pubblicazioni Passing. Dissolvere le identità, superare le differenze (tradotto negli Stati Uniti), Sentire il cinema, Metix. Cinema globale e cultura visuale. Ha inoltre curato, assieme a Anthony J. Tamburri, il volume Scene italoamericane. Rappresentazioni cinematografiche degli italiani d’America, pubblicato anche negli Stati Uniti.

Recensioni

Maria Teresa Carbone - eastwest.eu, 18 febbraio 2018
"Perché negli Usa producono House of Cards e da noi Gomorra"
Leggi la recensione

Serena Adesso - mangialibri.it, 2 febbraio 2018
"Trump non è una fiction"
Leggi la recensione

Giovanna Branca - Il Manifesto, 18 gennaio 2018
"L'oscurità e la rivolta di una trasformazione politica epocale"
Leggi la recensione

Sabina Minardi - L'Espresso, 31 dicembre 2017
"Freschi di stampa"
Leggi la recensione

Alessandro Boschi e Alberto Crespi - Hollywood Party (RadioTre), 13 dicembre 2017
"Gli Stati Uniti e le serie tv ai tempi di Trump"
Ascolta l'intervista

Stefano Rizzo - succedeoggi.it, 12 dicembre 2017
"La vita è un serial?"
Leggi la recensione