Giacomo Menini

Costruire in cielo

L’architettura moderna nelle Alpi italiane

Informazioni
Collana: Sustainable Heritage
2017, 360 pp.
ISBN: 9788857542539
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 29,00  € 27,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Tra Ottocento e Novecento, i territori alpini sono interessati da profonde trasformazioni, legate allo sfruttamento industriale delle risorse naturali e, soprattutto, alla nascita del turismo. In questo periodo, si costruiscono in montagna strade, ferrovie, ponti e trafori. Le industrie si insediano nei fondovalle, in posizione strategica rispetto alle risorse idriche e minerarie. Con l’inizio del Novecento, l’acqua diventa fondamentale per lo sviluppo dell’industria elettrica. Nello stesso tempo, al paesaggio alpino si associano valenze estetiche e curative. Alcune località sono scoperte come luoghi di cura, riposo e divertimento, innescando un processo di trasformazione che comincia con i grandi hotel, continua con i sanatori e gli stabilimenti termali e si conclude con le stazioni sciistiche.
È un processo che raggiunge il culmine nel secondo dopoguerra, quando le Alpi diventano un enorme cantiere a cielo aperto. Lo sviluppo dei trasporti, inoltre, porta a una concentrazione delle produzioni e degli insediamenti: se nella società tradizionale tutto il territorio era utilizzato in modo equilibrato, in quella industriale poche aree sono sfruttate in modo intensivo. L’abbandono interessa le valli più isolate, mentre i fondovalle e le località turistiche si congestionano.

Giacomo Menini, architetto e dottore di ricerca in Composizione architettonica, già incaricato dell’insegnamento di Composizione architettonica presso la Facoltà d’Ingegneria dell’Università di Bergamo, svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano, dove è incaricato dell’insegnamento di Teorie e tecniche della progettazione architettonica. Ha curato mostre e pubblicato articoli e saggi sul tema del paesaggio e dell’architettura nelle Alpi.